Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 Giugno;57(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 Giugno;57(2):213-29

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1121-421X

Online ISSN 1827-1642

 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 Giugno;57(2):213-29

NOVITÀ NELL’ENDOSCOPIA GASTRO-INTESTINALE 

Attualità sul danno epatico indotto da farmaci

Rangnekar A. S., Fontana R. J.

Department of Internal Medicine, University of Michigan Medical Center, Ann Arbor, MI, USA

Il danno epatico indotto da farmaci (drug induced liver injury, DILI) è una causa non comune di danno epatico acuto o cronico, che sta acquistando sempre maggiore importanza per i pazienti, i medici e gli organismi di controllo. L’incidenza di DILI legato ad un singolo agente non è definita con precisione, ma studi basati sulla popolazione suggeriscono che l’incidenza complessiva del DILI possa essere nell’ordine di 10-15 casi per 100 000 anni/paziente. Anche i fattori di rischio per DILI non sono ben definiti, ma studi multicentrici basati su registro attualmente in corso, come il Drug Induced Liver Injury Network, stanno cercando di identificare il ruolo dei fattori genetici, ambientali ed immunologici nella patogenesi e negli outcome del DILI. Il danno epatocellulare acuto (~50%) è più comune del danno epatico di tipo misto o colestatico; i soggetti itterici con DILI, indipendentemente dal tipo di danno epatico, hanno un rischio di mortalità a breve termine del 10% circa. Gli antibiotici sono gli agenti più comunemente implicati nello sviluppo di DILI; tuttavia, report recenti riferiscono danni epatici associati all’uso di una molteplicità di integratori alimentari e prodotti a base di erbe. Nonostante la loro grande diffusione, gli inibitori della HMG-CoA reduttasi (statine) sono una causa non frequente di DILI idiosincratico. Inoltre, recenti studi hanno mostrato che le statine possono essere effettivamente usate in modo sicuro ed efficace in pazienti iperlipidemici con epatopatia cronica. L’epatotossicità del paracetamolo continua ad essere una casa primaria di danno epatico acuto severo. Una limitazione della quantità di paracetamolo nelle specialità contenenti stupefacenti può contribuire a ridurre l’incidenza di sovradosaggi non intenzionali, ma si consiglia anche di promuovere un’informazione adeguata sia nei pazienti che nei soggetti che vendono gli innumerevoli prodotti da banco contenenti paracetamolo.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina