Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 June;57(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 June;57(2):159-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  NOVITÀ NELL’ENDOSCOPIA GASTRO-INTESTINALE


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 June;57(2):159-66

lingua: Inglese

Complicanze dell’ecoendoscopia

Fabbri C. 1, Luigiano C. 1, Cennamo V. 2, Ferrara F. 1, Pellicano R. 3, Polifemo A. M. 1, Tarantino I. 4, Barresi L. 4, Morace C. 5, Consolo P. 5, D’Imperio N. 1

1 Unit of Gastroenterology and Digestive Endoscopy, AUSL Bologna Bellaria-Maggiore Hospital, Bologna, Italy;
2 Department of Internal Medicine and Gastroenterology, University of Bologna, Italy;
3 Department of Gastro-Hepatology, Molinette Hospital, Turin, Italy;
4 Endoscopy Unit, ISMETT/UPMC, Palermo, Italy;
5 Department of Medicine and Pharmacology University of Messina, Messina, Italy


PDF  


L’ecoendoscopia (endoscopic ultrasonography, EUS), introdotta nella pratica clinica nei primi anni ’80, è diventato un importante strumento per la valutazione dei pazienti con vari disturbi clinici del tratto gastroenterico. Nel corso degli anni la metodica è stata progressivamente migliorata e sviluppata ed è sempre più utilizzata in molti centri di endoscopia digestiva. L’aspirazione con ago sottile EUS-guidata per la diagnosi cito/istologica è diventata una pratica standard e un’ampia gamma di procedure interventistiche e terapeutiche vengono eseguite sotto guida ecoendoscopica per malattie che fino a ad oggi venivano trattate chirurgicamente, quindi gravate da un’alta morbilità. L’EUS presenta rischi e complicanze simili ad altre procedure endoscopiche. Questo articolo riassume e discute quelle che sono le complicanze connesse all’ecoendoscopia diagnostica e terapeutica (la perforazione, l’emorragia, la pancreatite, e le infezioni) e suggerisce inoltre le modalità e gli strumenti utili a prevenirle o ridurle.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

carmeluigiano@libero.it