Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 Marzo;57(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 Marzo;57(1):53-68

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1121-421X

Online ISSN 1827-1642

 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2011 Marzo;57(1):53-68

TRATTAMENTO DEL CANCRO GASTRICO 

 REVIEW

Approccio multidisciplinare per il trattamento del cancro dello stomaco

Quiros R. M., Desai D. C.

St. Luke’s Hospital and Health Network, Bethlehem, USA

Il cancro dello stomaco è un fenomeno globale e rappresenta la seconda causa di morte neoplastica nel mondo. I più elevati tassi di incidenza si registrano in Asia e in alcune parti dell’Europa Orientale. Nei paesi occidentali, l’incidenza del tumore gastrico si è ridotta negli ultimi decenni. Contemporaneamente, nei pazienti occidentali la distribuzione dei tumori gastrici ha mostrato un progressivo spostamento verso localizzazioni più prossimali, rispetto ai pazienti asiatici. I fattori di rischio più comuni comprendono fattori alimentari, fumo, condizioni di iposecrezione acida, e infezione da H. pylori. La diagnosi clinica si ottiene con una corretta anamnesi e un esame obiettivo, integrato da un’indagine endoscopica e da studi di imaging. Spesso, al momento della diagnosi, la malattia ha già raggiunto uno stadio avanzato. In assenza di metastasi, e sempre che il paziente sia idoneo dal punto vista medico, la chirurgia riamane fondamentale per il trattamento. L’estensione della resezione gastrica, così come l’estensione della dissezione linfonodale, variano a seconda dell’area geografica: gli interventi chirurgici più estesi si effettuano in Asia, e in particolare in Giappone. Poiché il cancro dello stomaco tende a ripresentarsi sia localmente che distalmente, è consigliabile associare alla chirurgia terapie addizionali come chemioterapia e radioterapia. Queste terapie aggiuntive possono essere somministrate in fase pre-, peri- o postoperatoria, a seconda della prassi seguita nell’ospedale. Come per la tecnica chirurgica, la modalità e la tempistica di questi trattamenti addizionali dipendono in larga misura dalla pratica clinica locale. In presenza di un tumore inasportabile o già metastatizzato sono disponibili opzioni terapeutiche palliative, con interventi endoscopici e chirurgici, radioterapia e chemioterapia.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina