Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 December;56(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 December;56(4):451-65

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  CONTROVERSIE IN GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 December;56(4):451-65

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento dell’epatite B cronica

Cornberg M., Jaroszewicz J., Manns M. P., Wedemeyer H.

Department of Gastroenterology, Hepatology and Endocrinology, Medizinische Hochschule Hannover, Germany


PDF  


Circa 350-420 milioni di persone in tutto il mondo presentano un’infezione cronica da virus dell’epatite B (HBV). L’epatite B cronica può determinare l’insorgenza di cirrosi epatica, scompenso epatico e carcinoma epatocellulare. In pazienti con epatite B inattiva o risolta è possibile la riattivazione dell’infezione da virus HBV, che spesso porta allo sviluppo di un’insufficienza epatica. Queste sequele possono essere prevenute mediante un’efficace terapia antivirale. Interferone alfa, interferone alfa pegilato e cinque analoghi nucleosidici e nucleotidici con meccanismo antivirale diretto sono approvati per il trattamento dell’epatite B cronica. Quali pazienti trattare, quale regime terapeutico utilizzare, e quando iniziare il trattamento restano, tuttavia, problematiche ancora aperte nella gestione dei pazienti con infezione da HBV. Questa review è focalizzata sui concetti alla base dell’attuale trattamento dell’epatite B cronica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

cornberg.markus@mh-hannover.de