Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 September;56(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 September;56(3):345-53

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  TRATTAMENTO PERIOPERATORIO NEL TRAPIANTO DI FEGATO


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 September;56(3):345-53

lingua: Inglese

Sistemi di supporto epatico come trattamento perioperatorio nel trapianto di fegato – prospettiva storica e recenti progressi in Giappone

Inoue K. 1, Watanabe T. 1, Hirasawa H. 2, Yoshiba M. 3

1 Department of Gastroenterology, Showa University Fujigaoka Hospital, Yokohama, Japan
2 Department of Emergency and Critical Care Medicine, Chiba University School of Medicine, Chiba, Japan
3 Division of Internal Medicine, Sempo Tokyo Takanawa Hospital, Tokyo, Japan


PDF  


Una meta-analisi sull’efficacia dei sistemi di supporto epatico artificiale (artificial liver support, ALS) nei casi di insufficienza epatica fulminante (fulminant hepatic failure, FHF) eseguita dal gruppo Cochrane Hepato-Biliary Group ha dimostrato che tutti i sistemi di ALS precedentemente sviluppati erano inefficaci nei pazienti affetti da FHF. Questo supporta la teoria che l’unico trattamento di elezione per la FHF sia il trapianto di fegato immediato. Lo scambio di plasma, in combinazione con emodialisi ad alto volume o emodialisi ad alto flusso continuo utilizzando membrane a pori larghi, che era stato escluso dalla meta-analisi di Cochrane a causa della mancanza di trial di controllo randomizzati, è invece diventato un sistema ALS standard in Giappone. Questo sistema risulta sicuro e rimuove in maniera efficiente più sostanze tossiche di medio e basso pesa molecolare degli altri metodi, utilizzando grandi volumi di tamponi (più di 200 litri per sessione), con il risultato di un risveglio dal coma nei pazienti con FHF grave comparabile a uno stato anepatico. Questi sistemi di supporto epatico artificiale rappresentano strumenti efficaci per mantenere i pazienti affetti da FHF in una condizione favorevole finché il fegato non riprende la sua funzione o non diventa disponibile un trapianto di fegato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

kinoue 591205@hotmail.co.jp