Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2):169-79

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  ARGOMENTI INNOVATIVI IN GASTROENTEROLOGIA CLINICA ED EPATOLOGIA


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2):169-79

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Obesità e rischio di pancreatite acuta grave

Evans A. C. 1,2, Papachristou G. I. 2,3, Whitcomb D. C. 2,4,5

1 College of Medicine, University of Pittsburgh, Pittsburgh, PA, USA;
2 Division of Gastroenterology, Hepatology and Nutrition, Department of Medicine, University of Pittsburgh, PA, USA;
3 VA Pittsburgh Health Care System, Pittsburgh, PA, USA;
4 Department of Cell Biology and Physiology University of Pittsburgh, Pittsburgh, PA, USA;
5 Department of Human Genetics, Graduate School of Public Health, University of Pittsburgh, Pittsburgh, PA, USA


PDF  


La pancreatite acuta è una risposta infiammatoria acuta a un danno a livello del pancreas. Nell’uomo, l’ampiezza della risposta e le sue possibili complicanze sono altamente variabili e imprevedibili. Recenti studi clinici dimostrano che tutte le principali complicanze sono più comuni e più severe nei pazienti affetti da obesità. Questo solleva la questione di come il tessuto adiposo interagisca con la risposta immunitaria per peggiorare la gravità della pancreatite acuta. Nel presente lavoro verranno revisionati i risultati di una serie di nuovi studi focalizzati su varie citochine associate al grasso (adipochine) che vengono prodotte e rilasciate in proporzione alla quantità di tessuto adiposo viscerale nel corpo. Le principali adipochine che sono state studiate in corso di pancreatite acuta comprendono l’adiponectina, la leptina, la visfatina, la resistina e le citochine MCP-1, TNF-a e IL-6 associate al tessuto adiposo. Questi nuovi dati forniscono una forte evidenza del fatto che la suscettibilità e la gravità della pancreatite acuta siano associate al numero di queste adipochine. Benché esista una terapia aspecifica per bloccare gli effetti di questi fattori, il fatto di riconoscere l’alto rischio del rilascio di adipochine e di anticiparne le complicanze associate all’infiammazione costituisce una componente importante del trattamento ottimale del paziente. Per realizzare la seguente revisione, è stata effettuata una ricerca sul motore di ricerca PubMed utilizzando le parole chiave “acute pancreatitis”, “severe acute pancreatitis” e “obesity”. Sono state, inoltre, effettuate ulteriori ricerche al fine di individuare possibili revisioni recenti che trattassero il tema delle adipochine. Infine, sono state effettuate delle ricerche sul motore di ricerca PubMed su specifiche adipochine, tre cui la leptina, la visfatina e la resistina, focalizzando l’attenzione sulla pancreatite acuta e sull’infiammazione sistemica

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

whitcomb@pitt.edu