Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2):121-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  ARGOMENTI INNOVATIVI IN GASTROENTEROLOGIA CLINICA ED EPATOLOGIA


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2):121-8

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Epatite E cronica nei pazienti che ricevono un trapianto di fegato: un problema clinico significativo?

Pischke S., Wedemeyer H.

Department of Gastroenterology, Hepatology and Endocrinology, Hannover Medical School, Hannover, Germany


PDF  


L’epatite E è una patologia epatica infiammatoria causata dall’infezione da parte del virus dell’epatite E (Hepatitis E Virus, HEV). Sono stati descritti cinque differenti genotipi di HEV. Mentre i genotipi 1 e 2 infettano principalmente l’uomo, i genotipi 3 e 4 sono stati individuati sia nell’uomo sia in diverse specie animali, compreso il maiale. Le infezioni da HEV di genotipo 1 e 2 sono frequenti nel sud dell’Asia ed in Africa. Tuttavia, l’epatite E è attualmente molto considerata come patologia zoonotica ri-emergente anche nei Paesi industrializzati, dal momento che le infezioni da HEV di genotipo 3 sembrano in aumento nell’Europa occidentale ed il Nord America. L’epatite E acuta compie solitamente un corso di auto-limitazione acuto, ma può anche avere un decorso fulminante, in particolare nelle donne in gravidanza o nei pazienti con pre-esistenti patologie epatiche croniche. Negli ultimo tre anni sono stati riportati diversi casi di infezione da HEV persistente in pazienti immunosoppressi, associati a patologie epatiche progressive in alcuni pazienti. Pertanto, la ricerca dell’RNA dell’HEV dovrebbe essere parte integrante del lavoro diagnostico, oltre ai livelli elevati di transaminasi epatiche, nei pazienti che ricevono un trapianto d’organo o negli individui affetti da HIV. Nella presente revisione verranno riassunti i dati recenti sull’epatite E, con una particolare attenzione all’importanza delle infezioni persistenti da HEV nei pazienti che ricevono un trapianto di fegato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

pischke.sven@mh-hannover.de