Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 December;55(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 December;55(4):425-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  NEOPLASIE GASTROINTESTINALI


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 December;55(4):425-43

lingua: Inglese

Gestione dei tumori neuroendocrini gastroentero-pancreatici (GEP-NETs)

Desai K. K. 1, Khan M. S. 1, Toumpanakis C. 2, Caplin M. E. 1

1 Neuroendocrine Tumor Unit, Royal Free Hospital, London, UK
1 Consultant, Gastroenterology and Neuroendocrine Tumors, London, UK


PDF  


I tumori neuroendocrini (NETs) sono neoplasie relativamente rare che si presentano spesso come dilemmi diagnostici a causa di sintomi poco chiari o non specifici. La capacità dei tumori carcinoidi di causare sintomi clinici attraverso la secrezione di ormoni o amine biogene è più conosciuta nella forma di sindrome carcinoide. Benché questi tumori presentino generalmente una crescita lenta, una minoranza significativa mostra una crescita tumorale aggressiva. Il 10-20% nei NETs pancreatici possono essere associati con disordini ereditari come la neoplasia endocrina multipla di tipo 1 (multiple endocrine neoplasia-1, MEN-1) e, meno frequentemente, alla malattia di Von Hippel Lindau, le quali dovrebbero essere considerate nello studio e nella gestione dei pazienti affetti. Una piccola percentuale di NETs è associata con coesistenti e sincrone neoplasie non-carcinoidi. Lo scopo di questo lavoro è fare una revisione, includendo l’uso degli analoghi della somatostatina, sul ruolo della chirurgia, sull’uso della chemioterapia, della bioterapia a base di interferone e della terapia che utilizza come target i recettori peptidici. Inoltre verrà discussa l’impegnativa gestione interventistica delle metastasi epatiche, comprendendo il ruolo della embolizzazione dell’arteria epatica, dell’ablazione tramite radiofrequenza e del sito del trapianto epatico ortotopico in pazienti selezionati. Gli autori si sono focalizzati sulle modalità terapeutiche più recenti, come per esempio la terapia che usa come target i recettori dei peptidi marcati con radionuclidi come l’Ittrio-90 e il Lutezio-177, i più recenti analoghi della somatostatina come il pasireotide e gli inibitori angiogenetici. Infine, visto l’incremento del numero di procedure di indagine e di opzioni terapeutiche disponibili per diagnosticare e trattare i tumori carcinoidi, è vitale avere un approccio multidisciplinare. Per di più sono necessari ulteriori ricerche scientifiche e trial clinici controllati per determinare l’efficacia di molte opzioni di trattamento, le quali, per questi tumori rari, possono essere ottenute solo con la collaborazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

m.caplin@medsch.ucl.ac.uk