Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 September;55(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 September;55(3):345-77

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  NEUROGASTROENTEROLOGIA E MOTILITÀ


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 September;55(3):345-77

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento del ritardo di svuotamento gastrico

Bortolotti M.

Department of Internal Medicine and Gastroenterology, University of Bologna Bologna, Italy


PDF  


Il ritardo di svuotamento gastrico è una condizione alquanto frequente che può rivelarsi con una varietà di manifestazioni cliniche, da lievi sintomi dispeptici fino al vomito alimentare. Una volta diagnosticata con opportuni esami il trattamento di questa condizione può essere effettuato con vari mezzi adeguati alla gravità della malattia. In prima linea vi sono i provvedimenti dietetici ed i presidi farmacologici, che variano dai comuni farmaci procinetici, a farmaci prodotti per altri scopi terapeutici che però presentano un’attività procinetica, alle nuove classi di procinetici che sono ancora in fase di studio o di sperimentazione clinica. Nei casi più gravi di gastroparesi con vomito e dolore addominale refrattari alla terapia procinetica si possono utilizzare altri presidi farmacologici, come i farmaci antiemetici ed analgesici. Se la terapia medica si rivela insufficiente, vi sono procedure endoscopiche e chirurgiche, dall’allargamento del diametro del piloro con infiltrazioni di tossina botulinica nel muscolo pilorico, o dilatazione pneumatica, fino all’uso di varie tecniche di stimolazione elettrica gastrica ed alla resezione gastrica parziale o totale, quando tutti gli altri trattamenti sono falliti ed il paziente è tenuto in vita dalla alimentazione per via intestinale o parenterale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

bormau@tin.it