Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 Settembre;55(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 Settembre;55(3):237-72

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 Settembre;55(3):237-72

lingua: Inglese, Italiano

Patologia gastroenterica e probiotici: dal mito alle evidenze scientifiche. Aspetti attuali

Caramia G.

Unit of Pediatrics and Neonatology, G. Salesi Specialized Hospital for Mothers and Children, Ancona, Italy


PDF  ESTRATTI


Dalla brillante intuizione di Metchnikoff, agli inizi del Secolo scorso, ai nostri giorni, l’utilizzo dei probiotici è sempre più diffuso. L’interesse degli studiosi è prevalentemente focalizzato su due versanti: lo studio della microflora intestinale e le sue relazioni con gli enterociti ed il Sistema Immunitario, da una parte, e l’utilizzo di prodotti a base di probiotici nel trattamento di alcune patologie dell’Apparato Digerente sia in età adulta sia in età pediatrica dall’altro. Questa review mette in risalto luci ed ombre dell’utilizzo clinico dei probiotici impiegati sia come monoceppo che come pluriceppo, passando in rassegna le più recenti esperienze evinte dalla Letteratura in ambito gastroenterologico. I ceppi più comunemente studiati risultano essere i lattobacilli ed i lieviti, in particolare il Lactobacillus rhamnosus GG (LGG) e Saccharomices boulardii; mentre le patologie gastroenteriche più comunemente associate all’uso di probiotici variano dalle malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) alle disbiosi che si manifestano clinicamente con diarrea.

inizio pagina