Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 March;55(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 March;55(1):83-100

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  L’EPATOLOGIA NEL 2009


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 March;55(1):83-100

lingua: Inglese

Il trapianto di fegato nell’epatite virale e nell’insufficienza epatica fulminante

Mukherjee S. 1, Mahmoudi T. M. 1, Mukherjee U. 2

1 Section of Gastroenterology and Hepatology University of Nebraska Medical Center, USA
2 Department of General Medicine University of Southampton, UK


PDF  


Dall’introduzione negli anni Novanta delle immunoglobuline dirette contro il virus dell’epatite B e degli antivirali nucleosidici/nucleotidici, gli esiti dei trapianti di fegato (LT) nel caso di malattie epatiche correlate all’infezione da virus di epatite B (HBV) a prescindere che si tratti di cirrosi decompensata, carcinoma epatocellulare soddisfacente i criteri di Milano o insufficienza epatica fulminante (FHF), sono stati favoriti in virtù di risultati confrontabili se non migliori rispetto a quelli ottenuti in altri pazienti trapiantati. Purtroppo non si può avere lo stesso ottimismo nel caso dell’epatite C che differisce per molti aspetti dal’epatite B post-trapianto, il più impressionante dei quali consiste nelle limitate scelte possibili per il trattamento delle epatiti C ricorrenti (HCV). Con il passare del tempo gli iniziali entusiasmi per il trapianto di fegato nei casi di epatite C sono diminuiti, così come gli eccellenti indici di sopravvivenza a 5 anni ottenuti in origine si sono tradotti in deludenti risultati nelle valutazioni di sopravvivenza a medio e lungo temine. La cirrosi può anche svilupparsi nel 10-25% dei pazienti nel corso dei 5 anni successivi al trapianto che a sua volta guida alla comparsa di cirrosi HCV-correlata che funge da importante anche se ancora controversa indicazione per la ripetizione del trapianto. Una varietà di patologie possono provocare FHF con epatotossicità provocata dalla somministrazione di farmaci, in particolare la somministrazione di acetaminofene determina la comparsa di FHF nel 50-60% dei casi nel Regno Unito e negli Stati Uniti mentre l’epatite virale risulta essere in declino come causa della patologia. Sebbene l’FHF sia una malattia relativamente rara che colpisce approssimativamente 2000 pazienti ogni anno negli Stati Uniti, è associata con un’alta morbidità e mortalità in assenza di trapianto, negli Stati Uniti ancora solo il 25% dei pazienti viene sottoposto a trapianto. Questa rassegna discuterà il trapianto di fegato nei casi di HBV ed HCV e concluderà con la revisione dell’eziologia, dell’epidemiologia e della gestione dell’FHF.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail