Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 September;54(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 September;54(3):251-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 September;54(3):251-7

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Approccio clinico alla sindrome dell’intestino irritabile nel 2008

Astegiano M., Pellicano R., Sguazzini C., Berrutti M., Simondi D., Reggiani S., Rizzetto M.

Unit of Gastro-epatology San Giovanni Battista Hospital, Turin, Italy


PDF  


La sindrome dell’intestino irritabile (irritable bowel syndrome, IBS), attualmente definita secondo i criteri di Roma III, colpisce il 10-20% della popolazione, e le donne di età compresa tra 20 e 40 anni ne rappresentano il sottogruppo più consistente. I sintomi da IBS, benché variabili e intermittenti perdurano a lungo. Ciò induce costi rilevanti per i Sistemi Sanitari dovuti principalmente ai consulti medici e al ricorso alle indagini diagnostiche. Poiché non vi è evidenza che l’IBS conduca a malattie gastrointestinali severe, in assenza di sintomi o segni “di allarme” non è indicato intraprendere un algoritmo diagnostico invasivo. La terapia ottimale dell’IBS resta ancora da definire e, in assenza di una migliore definizione dei meccanismi patogenetici, l’approccio attuale si basa sul trattamento del sintomo prevalente. Quando predomina il dolore gli antispastici sono di prima scelta. In caso di diarrea, la loperamide è utile per ridurre la frequenza evacuativa, mentre le fibre solubili rappresenterebbero la prima opzione nei soggetti con stipsi o IBS mista. Composti che combinano probiotici e precursori della serotonina costituiscono attualmente un’intrigante sfida terapeutica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail