Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 September;54(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 September;54(3):243-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 September;54(3):243-50

lingua: Inglese

Valutazione dello stato nutrizionale e consumo alimentare in pazienti con neoplasia avanzata in trattamento palliativo

Bovio G. 1,2, Bettaglio R. 2, Bonetti G. 2, Miotti D. 2, Verni P. 2

1 Metabolic-Nutritional Unit Salvatore Maugeri Foundation
I RCCS Rehabilitation Institute, Pavia, Italy
2 Palliative Care Unit Salvatore Maugeri Foundation IRCCS Rehabilitation Institute, Pavia, Italy


PDF  


Obiettivo. La sindrome anoressia-cachessia e la malnutrizione sono molto comuni nei pazienti neoplastici in trattamento palliativo. Queste possono determinare un peggioramento della qualità della vita.
Metodi. Abbiamo studiato 144 pazienti (52 femmine, 92 maschi) ricoverati presso il nostro reparto di Cure Palliative. Abbiamo determinato i parametri antropometrici, il consumo alimentare e la concentrazione sierica di alcune proteine. E’ stato inoltre calcolato il metabolismo basale (basal metabolic rate, BMR).
Risultati. Un indice di massa corporea (body mass index, BMI) inferiore a 18.5 kg/m2 è stato osservato nel 23% delle femmine e nel 13% dei maschi (P = NS). Il 44% delle femmine e il 63% dei maschi evidenziavano una perdita di peso superiore al 10% negli ultimi 6 mesi (P = 0.073); 10 femmine (19%) e 58 maschi (63%) avevano un’area muscolare del braccio (AMA) inferiore al 5° percentile (P < 0.001), mentre 20 femmine (38%) and 21 maschi (23%) avevano un’area adiposa del braccio (AFA) inferiore al 5° percentile (P = 0.071). Il consumo calorico giornaliero era inferiore al BMR in 22 femmine (42%) e in 53 maschi (58%) (P = NS). I livelli plasmatici di prealbumina, transferrina, e albumina erano inferiore alla norma in più del 70% dei due sessi.
Conclusioni. La malnutrizione proteico calorica può essere facilmente determinata con determinazioni antropometriche ed esami di laboratorio. La maggiore percentuale di maschi rispetto alle femmine con una ridotta massa magra potrebbe significare che le femmine siano avvantaggiate in quanto preservano la massa magra più a lungo. I pazienti con neoplasia avanzata in trattamento palliativo dovrebbero essere valutati routinariamente dal punto di vista nutrizionale in modo da pianificare un adeguato programma nutrizionale quando questo è appropriato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail