Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 June;54(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 June;54(2):209-17

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  AN UPDATE ON EUS IN 2008


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 June;54(2):209-17

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Terapia dei pazienti con epatite C cronica

Trapero-Marugan M., González-Moreno L., Chaparro-Sánchez M., Moreno-Monteagudo J. A., Borque M. J., Moreno-Otero R.

Digestive Diseases Department and CIBEREHD Hospital Universitario de La Princesa Madrid, Spain


PDF  


L’infezione da virus dell’epatite C (HCV) è un preminente problema di salute pubblica, con più di 170 milioni di persone infette in tutto il mondo. La prevalenza dell’infezione, con piccole differenze regionali, è stimata nell’ordine del 1-3% nella popolazione globale. Il virus HCV è la più frequente causa di epatopatia cronica ed il 20-30% dei pazienti sviluppa cirrosi epatica con rischio di carcinoma epatocellulare. L’interferone-a pegylato (PEG-IFN), in associazione alla ribavirina, un analogo nucleosidico, cosituisce l’attuale trattamento dell’epatite C cronica (CHC), con minori effetti avversi e migliore compliance. La durata ed il dosaggio dipendono da alcuni fattori quali peso del paziente, genotipo, carica virale e rapida risposta virologica presentata dal paziente. Uno dei più rilevanti aspetti nel trattamento della CHC riguarda la gestione del gruppo dei non-responder o dei recidivanti dopo pregressa terapia. Una sostanziale proporzione di tali pazienti è stata infatti già trattata con terapie a base di interferone, richiedendo tuttavia un’opzione terapeutica ottimale. Il futuro trattamento della CHC si fonda verosimilmente sull’associazione di due o tre farmaci, inclusi gli analoghi nucleosidici/nucleotidici, più alti dosaggi iniziali di PEG-IFN (induzione) o più lunghi periodi di trattamento, o ancora sulla combinazione di inibitori dell’elicasi e delle proteasi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail