Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 Giugno;54(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 Giugno;54(2):177-87

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  AN UPDATE ON EUS IN 2008


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 Giugno;54(2):177-87

lingua: Inglese

Strumentazione per l’ecografia endoscopica

Leblanc J. K.

Division of Gastroenterology and Hepatology Indiana University Medical Center Indianapolis, IN, USA


PDF  


La tecnologia di imaging per l’ecografia endoscopica (EUS) è notevolmente migliorata nell’ultimo decennio. Grazie al design innovativo ed a nuovi dispositivi, l’utilità dell’EUS anche come strumento terapeutico è notevolmente aumentata. Possono essere risolte piccole lesioni (fino a 3 mm), su cui può essere diretta l’agobiopsia eco-giudata (EUS-FNA). L’imaging EUS con gli strumenti di scopia di ultima generazione elettronici radiali e lineari è eccellente e non varia tra i modelli. Quando disponibili e tecnicamente utilizzabili, dovrebbero essere utilizzati gli ecoendoscopi routinari e non le minisonde. Gli svantaggi delle minisonde ecografiche sono l’incapacità di eseguire gli agoaspirati e la limitata profondità dell’immagine. L’ecografia transpapillare intraduttale (IDUS) migliora la stadiazione dei tumori biliari e migliora l’imaging delle stenosi biliari e pancreatiche. La neurolisi o il blocco del plesso celiaco guidati da ecografia endoscopica (EUS-CPN/CPB) possono essere eseguite con l’ago da EUS-FNA o con un ago appositamente disegnato per il plesso celiaco, che distribuisce l’agente neurolitico all’interno del plesso con una modalità radiale. L’uso dell’ago da biopsia è sicuro e dovrebbe essere utilizzato con uno strumento terapeutico lineare introdotto attraverso la parete gastrica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail