Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 June;54(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 June;54(2):161-76

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  AN UPDATE ON EUS IN 2008


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 June;54(2):161-76

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ecoendoscopia e carcinoma del pancreas

Gardner T. B., Chari S. T.

Miles and Shirley Fiterman Center for Digestive Diseases, Mayo Clinic Rochester, MN, USA


PDF  


Nonostante i numerosi sforzi multidisciplinari, il tasso di sopravvivenza a 5 anni per tutti i pazienti con adenocarcinoma pancreatico rimane inferiore al 3%. Negli ultimi 20 anni, l’ecoendoscopia (EUS) si è sviluppata come uno strumento indispensabile per la diagnosi e la stadiazione delle lesioni pancreatiche maligne. L’EUS, in combinazione con la tomografia computerizzata elicoidale e multidetector, presenta attualmente un’accuratezza dell’80-90% nella determinazione dello stadio TNM. L’agobiopsia sotto guida EUS è in grado di ottenere campioni patologici in circa l’80% dei casi e l’ecografia intraduttale ha aumentato la capacità di determinare la potenzialità di trasformazione maligna dei restringimenti pancreatici. Nei pazienti ad alto rischio di neoplasia pancreatica, l’EUS è stata proposta come un possibile strumento di screening per le neoplasie pancreatiche. Infine, nuovi e promettenti sviluppi suggeriscono la potenzialità dell’EUS come strumento terapeutico, sia per la gestione del dolore da carcinoma pancreatico, sia come nuovo strumento di somministrazione terapeutica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail