Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 March;54(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 March;54(1):85-95

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 March;54(1):85-95

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Recenti progressi e nuovi metodi di imaging pacreatico

Kinney T. P., Freeman M. L.

Section of Gastroenterology Hennepin County Medical Center University of Minnesota, Minneapolis, MN, USA


PDF  


Le tecniche tradizionali utilizzate per l’imaging pancreatico, che includono l’ecografia addominale (US) e la tomografia computerizzata (TC), sono ampiamente utilizzate per la loro disponibilità su larga scala, la non invasività e la consuetudine nella pratica clinica. L’aggiunta dell’ecografia endoscopia (EUS), della risonanza magnetica (RM) e della colangio-RM (MRCP) ha contribuito significativamente alla possibilità per il medico di ottenere in sicurezza campioni bioptici, stadiare le neoplasie maligne, valutare l’anatomia duttale pancreatica ed identificare minime anomalie parenchimali nel contesto della pancreatite cronica. Il ruolo della colangiopancreatografia endoscopica retrograda (ERCP) si è ridotto con l’uso di queste modalità meno invasive. Le limitazioni delle tecniche convenzionali includono la ridotta sensibilità e specificità nella diagnosi della pancreatite cronica in fase precoce, la difficoltà nella distinzione tra neoplasie maligne e pancreatite cronica o focale e la scarsa accuratezza nella stadazione delle neoplasie pancreatiche, in particolare in riferimento all’infiltrazione vascolare. Sono stati recentemente descritti numerosi progressi nelle tecniche tradizionali di imaging, in grado di migliorare la nostra capacità di diagnosticare e stadiare con accuratezza le patologie pancreatiche. I progressi hanno incluso le modalità tradizionali di imaging del pancreas quali la TC multidetector, l’ecografia con contrasto a microbolle e la MRCP con stimolazione con secretina. Altri e nuovi metodi per l’imaging pancreatico sono stati recentemtente descritti, quali l’elastografia EUS, la tomografia di coerenza ottica, la RM pesata in diffusione e la spettografia con RM. In questo articolo, è presentata una rassegna dei recenti progressi sia nelle tradizionali modalità di imaging pancreatico, sia nelle nuove tecnologie emergenti per l’imaging della patologia pancreatica. Con l’accumularsi dell’esperienza e dell’evidenza clinica, il ruolo di queste tecniche di imaging continuerà ad evolversi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail