Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 Marzo;54(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 Marzo;54(1):49-55

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 Marzo;54(1):49-55

lingua: Inglese

Trapianto epatico per il trattamento dell’insufficienza epatica acuta negli adulti

Lucidi V., Buggenhout A., Boon N., Moreno C., Bourgeois N., Donckier V.

Medicosurgical Unit of Liver Transplantation Erasme Hospital Free University of Brussels, Brussels, Belgium


PDF  ESTRATTI


L’insufficienza epatica acuta è una condizione di difficile gestione clinica, associata a elevata morbilità e mortalità. In pazienti ben selezionati, il trapianto epatico è l’unica opzione terapeutica con una documentata efficacia nel miglioramento della sopravvivenza dei pazienti. I criteri di Clichy e del King’s College sono due dei principali sistemi di score utilizzabili per selezionare i pazienti candidati a trapianto epatico. Entrambi i modelli raggiungono un’elevata specificità, ma restano associati a un limitato valore predittivo negativo. Numerosi altri fattori predittivi sono stati valutati, ma nessuno di questi è stato validato in modo sufficientemente solido finora. Globalmente, il trapianto completo di fegato appare come la procedura di scelta nei pazienti che rientrino nei criteri di Clichy e/o del King’s College. A causa della gravità di questa condizione e delle sue conseguenze multisistemiche, i risultati del trapianto epatico per l’insufficienza epatica acuta restano inferiori rispetto a quelli ottenuti in presenza di indicazioni elettive. A seconda delle condizioni locali, e in particolare del tempo intercorso in attesa del trapianto d’urgenza e dell’expertise chirurgico, il trapianto da vivente e i trapianti ausiliari appaiono come utili alternative. Queste tecniche hanno i potenziali vantaggi di limitare il tempo d’attesa prima del trapianto e di evitare la necessità di immunosoppressione a vita, quando il fegato nativo recuperi. Tuttavia, i risultati complessivi restano inferiori rispetto a quelli ottenuti con trapianto di fegato intero.

inizio pagina