Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2007 March;53(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2007 March;53(1):79-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2007 March;53(1):79-82

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Problematiche diagnostiche e terapeutiche nelle sindromi overlap dell’epatite autoimmune

Premoli A., Morello E., Bo S., Durazzo M.

Department of Internal Medicine University of Turin, Turin, Italy


PDF  


Il termine “sindromi overlap” in epatologia indica la coesistenza di epatite autoimmune (autoimmune hepatitis, AIH), colangite sclerosante primitiva (primary sclerosing cholangitis, PSC), cirrosi biliare primitiva (primary biliary cirrhosis, PBC). A causa dell’eziologia sconosciuta, così come per la presentazione variabile con segni clinici e biochimici misti, queste sindromi overlap costituiscono spesso una sfida per gli epatologi dal punto di vista sia diagnostico che terapeutico. L’associazione più frequente è rappresentata dalla sindrome overlap tra AIH e PBC. Più rara è l’overlap tra AIH e PSC, tipica dell’età giovanile e spesso concomitante con una malattia infiammatoria intestinale come la rettocolite ulcerosa. Il trattamento di scelta si basa sull’acido ursodesossicolico e su farmaci immunosoppressivi, utilizzati contemporaneamente o consecutivamente, a seconda del decorso della patologia. L’esame istologico sembra essere un dato importante, ma spesso non è di aiuto per la sua aspecificità al fine di formulare una diagnosi corretta. Due particolari forme di sindrome variante sono le cosiddette “sindromi outlier”, senza chiare caratteristiche di overlap: la colangite autoimmune, probabilmente una forma di PBC anti-mitocondrio negativa, e l’epatite virus C correlata con segni di autoimmunità come autoanticorpi non specifici a basso titolo. Lo score system diagnostico elaborato nel 1999 dal Gruppo Internazionale AIH può aiutare nella diagnosi, anche se manca una definita validità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail