Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 December;52(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 December;52(4):437-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 December;52(4):437-40

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Assenza di mutazioni geniche in un caso di concomitante presenza di carcinoide dell’ampolla di Vater, feocromocitoma e sindrome di Von Recklinghausen

Olivero G. 1, Durazzo M. 2, Bertello A. 1, Volante M. 3, Pellicano R. 1, Bini R. 1

1 Department of Medical and Surgical Sciences University of Turin, Turin, Italy
2 Department of Internal Medicine University of Turin, Turin, Italy
3 Department of Biomedical Sciences and Human Oncology University of Turin, Turin, Italy
4 Department of Gastro-Hepatology, Molinette Hospital, Turin, Italy


PDF  


L’associazione tra sindrome di Von Recklinghausen (VRD) e tumori insorgenti al di fuori del sistema nervoso centrale è nota. Tuttavia, la concomitanza di VRD, carcinoide dell’ampolla di Vater e feocromocitoma è stata riportata molto raramente in letteratura. Inoltre, il possibile ruolo dei geni solitamente coinvolti nelle neoplasie endocrine multiple (MEN) I e II in questa associazione è incompreso. Nel presente lavoro riportiamo il caso di un paziente affetto da VRD e feocromocitoma extra-surrenalico, operato in passato per un carcinoide dell’ampolla di Vater. Per indagare il possibile ruolo, in questa triade, dei geni coinvolti nella MEN abbiamo ricercato la presenza di mutazioni somatiche o germinative del protooncogene RET e del gene della menina mediante una specifica reazione a catena della polimerasi (single stranded conformation polymorphism). I risultati hanno dimostrato che nessuna mutazione somatica o germinativa dei geni della MEN-1 e MEN-2 é coinvolta nella patogenesi di questi tumori.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail