Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Dicembre;52(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Dicembre;52(4):349-58

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1121-421X

Online ISSN 1827-1642

 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Dicembre;52(4):349-58

 ARTICOLI ORIGINALI

Effetto di una preparazione simbiotica sulle manifestazioni cliniche della sindrome dell’intestino irritabile variante stipsi: risultati di uno studio multicentrico, aperto, non controllato

Colecchia A., Vestito A., La Rocca A., Pasqui F., Nikiforaki A., Festi D.

Department of Internal Medicine and Gastroenterology University of Bologna, Bologna

Obiettivo. La sindrome dell’intestino irritabile (irritable bowel syndrome, IBS) è frequentemente associata allo squilibrio della flora batterica intestinale. Pochi sono gli studi attualmente disponibili volti a valutare l’efficacia e la sicurezza della somministrazione di probiotici in pazienti con IBS variante stipsi. Recentemente è diventato disponibile nella pratica clinica un simbiotico costituito da un probiotico, Bifidobacterium longum W11, e da un prebiotico costituito da un oligosaccaride a catena corta Fos Actilight. L’obiettivo di questo studio era valutare l’efficacia sui sintomi e la tollerabilità di questo simbiotico in pazienti con IBS variante stipsi.
Metodi. Seicentotrentasei pazienti (250 di sesso maschile, 386 di sesso femminile) con diagnosi di IBS del tipo a predominanza di stipsi, secondo i criteri Roma II, sono stati arruolati in 43 centri e hanno ricevuto il simbiotico al dosaggio di 3 g/die per almeno 36 giorni. Prima e dopo il trattamento è stato somministrato un questionario validato per valutare i sintomi e la frequenza di evacuazione.
Risultati. Dopo il trattamento, secondo una scala visiva, nella classe asintomatica è stato registrato un aumento significativo della frequenza dei sintomi dal 3% al 26,7% per quanto riguarda il gonfiore e dall’8,4% al 44,1% per il dolore addominale (P<0,0001). Nelle classi più gravi (sintomo moderato-severo), è stata riportata una riduzione significativa della frequenza del sintomo dal 62,9% al 9,6% e dal 38,8 % al 4,1% per il gonfiore e il dolore addominale rispettivamente. È stato anche riportato un aumento significativo nella frequenza di evacuazione da 2,9±1,6 volte a settimana a 4,1±1,6 volte a settimana.
Conclusioni. Nei pazienti con IBS variante stipsi il simbiotico può aumentare la frequenza di evacuazione e in soggetti con sintomi moderati-severi può anche ridurre il dolore addominale e il gonfiore.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina