Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 September;52(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 September;52(3):269-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  A CLINICAL UPDATE IN GASTROESOPHAGEAL REFLUX DISEASE


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 September;52(3):269-74

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Extraesophageal manifestations in gastroesophageal reflux disease

Jaspersen D.

Division of Gastroenterology Academic Teaching Hospital University of Marburg, Marburg, Germany


PDF  


La malattia da reflusso gastroesofageo è una condizione comune, che colpisce circa il 20-30% della popolazione adulta e che si presenta con un ampio spettro sintomatologico di varia gravità e frequenza. Vengono identificate sempre più spesso altre manifestazioni cosiddette “extraesofagee”, quali la laringite, la raucedine, la tosse cronica, l’asma o il dolore toracico non cardiaco. Gli studi epidemiologici hanno dimostrato in modo consistente le associazioni significative esistenti tra le manifestazioni polmonari e la malattia da reflusso gastroesofageo. Sino al 50% dei pazienti con esofagite provata endoscopicamente soffrono di sintomi diversi dalla pirosi gastrica o dal rigurgito acido. Tuttavia, le stime pubblicate sui disturbi extraesofagei nei pazienti con malattia da rigurgito gastroesofageo variano ampiamente, forse a causa di errori nella registrazione dei sintomi. L’approccio iniziale più efficace in caso di sintomi extraesofagei sospettati di essere correlati al reflusso gastroesofageo è rappresentato dalla terapia empirica con inibitori della pompa protonica. Tuttavia, vi sono studi che hanno dimostrato che il vantaggio a lungo termine del trattamento con inibitori della pompa protonica rispetto al placebo potrebbe essere stato sovrastimato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail