Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Giugno;52(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Giugno;52(2):225-31

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Giugno;52(2):225-31

lingua: Inglese

Duplice diverticolo di Meckel causa di emorragia gastrointestinale di origine incerta: un caso clinico

Mazza L. 1, Garino M. 1, Morgando A. 2, Fronda G. 1, Rizzetto M. 2

1 7th Division of General Surgery S. Giovanni Battista Hospital, Turin, Italy
2 Unit of Gastroepatology S. Giovanni Battista Hospital, Turin, Italy


PDF  


Il diverticolo di Meckel è l’anomalia congenita più comune del tratto gastroenterico, interessando dall’1% al 4% della popolazione generale e, di solito, è scoperto casualmente nel corso di un intervento chirurgico eseguito per diverse ragioni. Può essere causa di emorragia, occlusione intestinale, diverticolite e perforazione intestinale che possono configurarsi come addome acuto da complicanza del diverticolo di Meckel. Può essere sede di tumore maligno nell’1-5% dei casi e di mucosa ectopica fino al 60% dei casi, per lo più di origine gastrica o pancreatica. Gli Autori riportano un caso di emorragia di origine incerta, in un paziente di 25 anni, dovuta alla presenza di 2 diverticoli di Meckel, localizzati rispettivamente nel digiuno e nell’ileo distale, contenenti mucosa gastrica ectopica e diagnosticati attraverso Rx clisma del tenue a doppio contrasto. Entrambi i diverticoli sono stati resecati per via laparoscopica mediante sezione tangenziale. Dall’analisi della letteratura, l’osservazione di un duplice Meckel è infrequente, così come la diagnosi radiologica mediante Rx clisma a doppio contrasto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail