Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Marzo;52(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Marzo;52(1):3-21

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 Marzo;52(1):3-21

AN UPDATE ON HEPATITIS B VIRUS INFECTION 

 REVIEW

Attachment sites and neutralising epitopes of hepatitis B virus

Glebe D.

Institute of Medical Virology Justus-Liebig University Giessen, Giessen, Germany

Il virus dell’epatite B (hepatitis B virus, HBV), il prototipo della famiglia degli Hepadnavirus è un patogeno umano organo e specie-specifico. Sebbene le nostre conoscenze sulla biologia molecolare di questo virus altamente epato-speficico siano aumentate, il meccanismo di attracco e di ingresso nella sua cellula ospite, l’epatocita differenziato, resta enigmatico. In passato sono stati descritti numerosi potenziali siti cellulari di attracco per le 3 proteine di superficie di HBV, ma per nessuno di questi è stato possibile dimostrare che funzionasse come un recettore funzionale. La difficoltà dello studio dei meccanismi di attracco e di ingresso dell’HBV nelle cellule è principalmente legata al fatto che manca un sistema facilmente accessibile per studiare l’infezione in vitro. Per oltre 20 anni il solo modello in vitro utilizzabile era rappresentato dagli epatociti umani primari ottenuti da campioni chirurgici, dal momento che le linee cellulari derivate dall’epatoma non erano suscettibili all’infezione da HBV.
Sorprendentemente, le colture cellulari di epatociti primari di Tupaia si sono dimostrate suscettibili a HBV. Utilizzando questi epatociti siamo in grado di determinare la capacità neutralizzante degli anticorpi monoclonali e policlonali nei confronti di HBV. La mappatura degli epitomi neutralizzanti e l’inibizione dell’infezione grazie alla competizione con i lipopetidi della regione preS1 ci ha reso in grado, noi e altri ricercatori, di identificare gli aminoacidi 9-18 della regione preS1 come siti minimali di attracco conservati e gli amoinoacidi 28-48 come siti accessori di attracco. Sulla base di questi dati dovrebbe essere possibile identificare i recettori cellulari di questi siti di attracco. Inoltre, potremmo fare una distinzione tra lo stadio dell’attracco pre-S1 dipendente e gli stadi successivi S-dipendenti nel processo infettivo. Non tutti gli anticorpi che si legano a S sono in grado di neutralizzare l’infettività del virus. Questo dovrebbe essere tenuto in conto quando si valuta l’efficacia protettiva del vaccino anti-HBV che induce anticorpi.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina