Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 Dicembre;51(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 Dicembre;51(4):303-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 Dicembre;51(4):303-12

lingua: Inglese

Endoscopic therapy for gastroesophageal reflux disease

Louis H., Devière J.


PDF  


Le terapie per via endoscopica per ridurre il reflusso gastroesofageo hanno suscitato un enorme entusiasmo negli ultimi 5 anni, quando diverse di loro sono state approvate dagli enti di controllo e si sono rese disponibili sul mercato. Queste nuove terapie comprendono 3 tipi di tecniche: iniezione/rigonfiamento, plicatura/sutura e danno termico da radiofrequenza. Gli studi clinici in aperto eseguiti su pazienti con i tipici sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) rispondenti agli inibitori della pompa protonica hanno evidenziato nel breve tempo un miglioramento dei sintomi legati al riflusso. I dati a lungo termine ora disponibili non sono favorevoli, dimostrando un parziale ispessimento delle pliche a livello del cardias. Sono stati eseguiti due studi clinici randomizzati e parzialmente controllati, che sono essenziali per provare l'efficacia dell'endoterapia della GERD, visto il ben noto effetto placebo presente nella gestione dei pazienti con GERD. In uno è stata utilizzata la radiofrequenza, nell'altro l'iniezione di polimeri. Essi hanno confermato l'efficacia clinica di entrambe le tecniche, sebbene questo fosse inferiore rispetto a quello suggerito dagli studi clinici in aperto. Mentre gli studi meccanicistici hanno suggerito che la compliance della giunzione gastroesofagea possa essere alterata dall'endoterapia per la GERD, la valutazione obiettiva del reflusso acido con la pH-metria ambulatoriale ha dimostrato, invece, che il trattamento provoca modificazioni minime se non addirittura assenti. I dubbi circa la sicurezza di queste nuove tecniche sono aumentati quando sono stati riferite le complicanze che hanno iniziato ad esserci con l'aumentare del numero di casi trattati. Attualmente non esiste un'indicazione ben definita per ogni tecnica, ma vi sono diverse e numerose indicazioni potenziali che dovrebbero essere verificate nell'ambito di studi clinici attentamente disegnati. I medici dovrebbero essere pazienti e aspettare che venga provata l'efficacia e la sicurezza di queste tecniche prima di utilizzarle nella loro pratica clinica. E' necessaria un'attenzione vasta e specifica prima di iniziare l'applicazione clinica. Questa revisione ha lo scopo di fornire una visione critica e generale della terapia per via endoscopica della GERD.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail