Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 September;51(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 September;51(3):213-24

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 September;51(3):213-24

lingua: Inglese

The management of univestigated dyspepsia in primary care

Thijs J. C., Kleibeuker J. H.


PDF  


La dispepsia è molto comune nei paesi occidentali, dove il 10-40% della popolazione, nell'arco dell'anno, prova dolore o un senso di disagio alla parte superiore dell'addome. La maggior parte delle volte si tratta di un problema ricorrente. Un'endoscopia tempestiva è obbligatoria in tutti i pazienti con sintomi allarmanti (comprendenti la prima comparsa di sintomi dopo i 50-55 anni d'età). In altri pazienti l'endoscopia ha poca probabilità di contribuire alla gestione medica. In questi, una strategia del tipo «testa e tratta», che implica un test non invasivo per Helicobacter pilori (H. pilori) e il trattamento dell'infezione, sembra attualmente essere l'approccio migliore. (In recenti studi la prevalenza di H. pilori tra i pazienti dispeptici è stata del 28-61%). Se il paziente è H. pilori negativo e, nel caso di sintomi persistenti dopo l'eradicazione con successo di H. pilori, è giustificato il trattamento empirico con un farmaco antisecretorio. L'endoscopia è riservata a quei pazienti nei quali questo approccio fallisce. Con una continua diminuzione della prevalenza di H. pilori l'accuratezza del test non invasivo per H. pilori utilizzato ha bisogno di essere superiore e i test dell'urea nel respiro sono da preferire, mentre il test dell'antigene fecale può rappresentare un'alternativa ragionevole. Con una prevalenza molto bassa di H. pilori nella popolazione dispeptica (inferiore al 10%) il test non invasivo perde il suo significato e il trattamento empirico con farmaci antisecretori diventa un primo passo razionale. Il medico coinvolto nell'assistenza di pazienti dispeptici deve essere attento alla prevalenza corrente di H. pilori.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail