Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 June;51(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 June;51(2):201-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 June;51(2):201-8

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Immunological markers anti-saccharomyces cerevisiae antibodies (ASCA) and anti-neutrophil cytoplasmic antibodies (ANCA) in inflammatory bowel disease: a helpful diagnostic tool

Montanelli A., Mainardi E., Vagni A., Villanacci V., Zambelli C., Cestari R., Cengia P., Minelli L., Missale G.


PDF  


Obiettivo. Attualmente, la diagnosi di malattia infiammatoria intestinale (IBD) e la diagnosi differenziale tra morbo di Crohn (CD) e colite ulcerosa (UC) sono ancora basate sulle modificazioni morfologiche identificate con l'endoscopia, le indagini radiologiche e l'istopatologia. Nel 5-15% dei casi questa differenziazione non è possibile (diagnosi di colite di natura indeterminata).
Metodi. Abbiamo valutato se i kit commerciali per la determinazione degli anticorpi anti-Saccharomyces cerevisiae (ASCA) e degli anticorpi citoplasmatici antineutrofili (ANCA) recentemente sviluppati siano utili per la diagnosi differenziale tra CD e UC, con una conseguente riduzione del numero di diagnosi di colite di natura indeterminata e un miglioramento della gestione clinica. Per la ricerca di ASCA IgA e IgG e ANCA IgG, utilizzando due diversi metodi diagnostici, sono stati valutati in cieco i sieri di 56 pazienti consecutivi con diagnosi clinica di IBD: i metodi utilizzati sono stati l'immunofluorescenza indiretta e il saggio di immunoassorbimento mediante anticorpi enzimodipendenti (ELISA).
Risultati. Nei casi esaminati abbiamo osservato una buona correlazione tra il reperto istopatologico e i risultati di laboratorio e l'utilizzo combinato di ASCA e ANCA ha consentito di porre una diagnosi corretta nel 93% dei pazienti con CD e nel 97% di quelli con UC.
Conclusioni. Confermiamo il valore del test diagnostico per CD e UC e per la diagnosi differenziale tra le due forme di colite.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail