Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 March;51(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 March;51(1):77-94

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  UPDATE ON HEPATITIS B


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2005 March;51(1):77-94

lingua: Inglese

Current and future treatment of chronic hepatitis B

Arosemena L. R., Cortes R. A., Servin L., Schiff E. R.


PDF  


Il virus dell'epatite B sta diventando responsabile di una pandemia. In generale, la modalità di trasmissione varia in rapporto alla sua prevalenza nelle diverse aree geografiche: essa è principalmente perinatale nelle zone a prevalenza maggiore e sessuale e/o parenterale in quelle a prevalenza minore. Le presentazioni dell'epatite cronica B sono varie e ciò rende complessa la sua gestione. I livelli di aminotransferasi, la carica virale, gli aspetti istologici, l'età del paziente, le mutazioni virali (ad esempio epatite B con negatività per l'antigene e) e la gravidanza sono tutti aspetti che possono influenzare le decisioni terapeutiche. Il farmaco ideale che dovrà eradicare il virus dell'epatite B non è ancora stato scoperto. Questa revisione focalizza i farmaci attualmente disponibili per il trattamento dell'epatite cronica B: a-interferon, lamivudina, adefovir, così come nuovi farmaci che, in studi clinici, si sono dimostrati attivi nei confronti del virus dell'epatite B e che sono prossimi alla registrazione; interferon peghilato, tenofovir, entecavir, emtricitabina, telbivudina e clevudina. Vengono prese in considerazione le proprietà antivirali, i vantaggi e gli svantaggi nei pazienti positivi o negativi per l'antigene e. In questo lavoro non state prese in considerazione le combinazioni di diversi farmaci attualmente in fase di studio. Viene suggerito un algoritmo sviluppato dai dati della letteratura più recente che può essere utile come guida pratica per scegliere il farmaco sulla base della carica virale, delle aminotransferasi, della presenza o meno dell'antigene e e dei reperti istologici. Infine, vengono poste delle domande di carattere generale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail