Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2004 September;50(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2004 September;50(3):261-76

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  GASTROESOPHAGEAL REFLUX DISEASE


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2004 September;50(3):261-76

lingua: Inglese

Gastroesophageal reflux disease. Heart-burn from a psychological view

Kamolz T., Pointner R.


PDF  


Sebbene la malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) possa essere fatta risalire a dei disturbi della giunzione gastroesofagea, lo stress e altri rilevanti fattori psicologici possono svolgere un ruolo importante nel processo della MRGE. Sembrerebbe che, inizialmente, esista in alcuni pazienti un'alterata percezione dei sintomi, basata su una riduzione della soglia. Nel tentativo di descrivere la sensazione dei sintomi da reflusso, possono essere discussi sia fattori di tipo centrale sia periferico. È ipotizzabile quanto segue: che ben definiti fattori della personalità moderino l'effetto dello stress sulla giunzione gastroesofagea, così come possono influenzare la percezione e la valutazione dei sintomi.
Inoltre, la MRGE può anche essere accompagnata da disturbi psichiatrici, come comorbidità. Per questo motivo, è necessario considerare se un ampiamento degli interventi psicologici finora eseguiti possa essere utile nei pazienti con un legame soggettivo tra il reflusso e lo stress, su un livello relativo di personalità emotiva, o in pazienti con associati disturbi psichiatrici. Questo allargamento ha attinenza sia con l'uso cauto di una cura antireflusso che con una terapia chirurgica, dal momento che può verificarsi un cambiamento dei sintomi. Nel passato si è anche potuta dimostrare l'efficacia degli interventi psicologici in diversi gruppi di pazienti con problemi gastrointestinali, mentre le prove della loro efficacia nei pazienti affetti da MRGE sono ancora in parte in via di valutazione, nel futuro dovrebbero essere ancora verificate dal momento che sono già stati compiuti dei notevoli progressi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail