Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2004 Marzo;50(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2004 Marzo;50(1):61-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  FOCUS ON HEPATITIS C VIRUS INFECTIONS


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2004 Marzo;50(1):61-6

lingua: Inglese

Course and treatment of recurrent hepatitis C after liver transplantation

Neumann U. P., Neuhaus P.


PDF  


La cirrosi epatica in corso di infezione da virus dell'epatite C rappresenta l'indicazione più frequente al trapianto ortotopico di fegato nella maggior parte dei centri specializzati per il trapianto. Tuttavia, la recidiva di infezione da virus dell'epatite C in seguito al trapianto ortotopico di fegato nei pazienti positivi al virus dell'epatite C costituisce un evento di comune riscontro. La gravità dell'epatite nei pazienti sottoposti a trapianto aumenta nel corso del follow-up a lungo termine e una percentuale di pazienti che raggiunge il 30% sviluppa un'epatite di grado severo e una cirrosi. In passato questo fatto era responsabile di una minore sopravvivenza del paziente e del trapianto nei pazienti positivi al virus dell'epatite C. Diverse variabili, come il genotipo, l'età del donatore, la terapia antirigetto, l'infezione da citomegalovirus e il secondo trapianto di fegato, risultano essere associate alla comparsa dell'epatite in fase precoce e di grado severo nel paziente trapiantato. Non sono ancora stati individuati dei trattamenti per fini di profilassi o di terapia in grado di alterare il decorso della patologia nei pazienti positivi al virus dell'epatite C ed è verosimile che si assisterà a un aumento della prevalenza del fallimento del trapianto correlata all'infezione da virus dell'epatite C, grazie a follow-up di durata più lunga. È necessario analizzare l'efficacia dei nuovi regimi immunosoppressori e delle terapie antivirali con ribavirina in combinazione con interferone a pegilato, al fine di ridurre le complicanze della recidiva da virus dell'epatite C in futuro.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail