Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 December;49(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 December;49(4):277-88

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  LA MALATTIA DA REFLUSSO GASROESOFAGEO


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 December;49(4):277-88

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

New horizons in the medical treatment of gastro-oesophageal reflux disease

Dekel R., Fass R.


PDF  


Gli inibitori della pompa protonica hanno rivoluzionato il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo. Tuttavia circa il 30% di tutti i pazienti affetti da malattia da reflusso gastroesofageo presentano ancora dei sintomi, nonostante la terapia con inibitori della pompa protonica a dosaggi standard. Di conseguenza, è necessario trovare opzioni terapeutiche migliori, specialmente nel caso della malattia da reflusso gastroesofageo di tipo non erosivo, di cui sono affetti la maggior parte dei pazienti che non rispondono agli inibitori della pompa protonica. Il rilassamento transitorio dello sfintere esofageo inferiore rappresenta il meccanismo responsabile della maggior parte degli episodi di reflusso. Pertanto la riduzione mediante farmaci della frequenza degli episodi di rilassamento transitorio dello sfintere esofageo inferiore costituisce un promettente approccio terapeutico. Tra i composti chimici che sono stati valutati figurano gli anticolinergici, gli oppiacei, gli antagonisti della colecistochinina, gli antagonisti dell'ossido nitrico, la somatostatina e gli agonisti del GABA-B. Attualmente, l'agonista del GABA-B baclofen ha fornito i risultati più promettenti. Sebbene manchino i dati riguardanti la malattia da reflusso gastroesofageo, la modulazione del dolore viscerale, ottenuta in modo farmacologico oppure attraverso interventi di tipo mente-corpo, si è dimostrata efficace in diverse patologie intestinali funzionali, compreso il dolore toracico funzionale di presunta origine esofagea. Infine, attualmente si stanno intensificando gli sforzi della ricerca finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci acido-soppressori. Gli inibitori della pompa acida sono degli inibitori competitivi di tipo reversibile della pompa protonica. Questi farmaci sono potenti soppressori della secrezione acida gastrica, il cui effetto non è correlato all'assunzione di cibo. Inoltre essi mostrano un esordio di azione più precoce e un prevedibile effetto dose-risposta, rispetto agli inibitori della pompa protonica attualmente utilizzati. Sebbene alcuni dati clinici preliminari siano promettenti, al momento attuale nessuno di questi farmaci è disponibile in commercio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail