Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Settembre;49(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Settembre;49(3):201-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Settembre;49(3):201-10

lingua: Italiano

Screening del cancro del colon-retto. Metodiche a confronto

De Ceglie A., Scotto F., Santoro P., Pellecchia A.


PDF  


Lo screening del cancro del colon retto è giustificato dal momento che il CCR è stimato come la II causa di morte per tumore: la maggioranza dei CCR insorge da pre-esistenti polipi adenomatosi che rimangono clinicamente silenti fino a quando non vengano diagnosticati come malattia avanzata e incurabile. I meriti ed il costo-efficacia dello screening per il CCR sono evidenti perché la diagnosi e la rimozione del cancro in fase precoce o del polipo adenomatoso riduce la mortalità per CCR. Molteplici metodiche di screening sono disponibili, ognuna con vantaggi e limiti. La colonscopia convenzionale è considerata il «gold standard» dello studio del colon, ed attualmente è la metodica più efficace nel ridurre la morbilità e mortalità per CCR. Tuttavia l'uso della colonscopia come più importante metodica di screening è limitato a causa delle possibili complicanze, della ridotta compliance, della carenza di strutture e di medici specialisti che possano eseguire un elevato del numero di esami per lo screening. Noi consideriamo le metodiche di screening attualmente disponibili, paragonando i vantaggi e i limiti di ognuna.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail