Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Giugno;49(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Giugno;49(2):147-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Giugno;49(2):147-54

lingua: Inglese

The effectiveness of omeprazole versus lansoprazole along with amoxillicin and clarithromycin in Turkish population with duodenal ulcer

Örmeci N., Sariog˜lu M., Sandikçi M., Özütemiz Ö., Boztas¸ G., Ünder E., Elhan A. H.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è valutare l'efficacia dell'omeprazolo a confronto con il lansoprazolo in associazione ad amoxicillina e claritromicina nella popolazione turca affetta da ulcera duodenale.
Metodi. Centootto pazienti positivi per Helicobacter pylori che presentavano un'ulcera duodenale in fase attiva sono stati assegnati, secondo un protocollo di studio randomizzato in doppio cieco, a 2 diversi gruppi. Il 1° gruppo, che è stato posto in trattamento con omeprazolo, amoxicillina e claritromicina (OAC), comprendeva 54 pazienti (34 di sesso maschile, 20 di sesso femminile), età media (± deviazione standard=43.89±11.77 anni). L'omeprazolo è stato somministrato con un dosaggio di 20 mg b.i.d., mezz'ora prima dei pasti, per 14 giorni, e quindi 20 mg prima di colazione per 6 settimane insieme a 1 g di amoxicillina e 500 mg di claritromicina, entrambi gli antibiotici b.i.d. per 14 giorni. Invece il 2° gruppo, che comprendeva 54 pazienti (31 di sesso maschile, 23 di sesso femminile), età media (± deviazione standard=40.85±12.80 anni) è stato trattato con lansoprazolo in associazione con amoxicillina e claritromicina (LAC). Il lansoprazolo è stato somministrato con un dosaggio di 30 mg b.i.d. mezz'ora prima dell'assunzione di cibo per 14 giorni e quindi 30 mg prima di colazione per 6 settimane, contemporaneamente a 1 g di amoxicillina b.i.d. e a 500 mg di claritromicina b.i.d. per 14 giorni. La guarigione dei pazienti è stata valutata dal punto di vista clinico e per mezzo di parametri endoscopici; inoltre si è tenuto conto dell'eradicazione dell'Helicobacter pylori e degli effetti collaterali dei farmaci assunti prima e dopo 8 settimane di trattamento.
Risultati. Non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra i 2 gruppi per quanto riguarda l'età, il sesso e l'abitudine al fumo (p=0.20, p=0.56 e p=0.85, rispettivamente). Nel gruppo LAC, il tasso di guarigione dall'ulcera è stato 94.4% (51 pazienti su 54). L'Helicobacter pylori è stato eradicato in 49 pazienti su 54 (90.7%). Il tasso di eradicazione dell'Helicobacter pylori è stato 89.7% (26 pazienti su 29) tra i fumatori. Nel gruppo OAC, il tasso di guarigione dall'ulcera è stato 90.7% (49 pazienti su 54). L'Helicobacter pylori è stato eradicato in 43 pazienti su 54 (79.6%). Il tasso di eradicazione dell'Helicobacter pylori è stato 80.0% (24 pazienti su 30) tra i fumatori. Non è stata rilevata alcuna differenza statisticamente significativa tra i 2 gruppi per quanto riguarda la guarigione dell'ulcera (p=0.72). Anche per quanto riguarda l'eradicazione dell'Helicobacter pylori, non è stata rilevata alcuna differenza statisticamente significativa tra il gruppo LAC e il gruppo OAC (p=0.10). Sebbene lievi effetti collaterali siano stati osservati in entrambi i gruppi, non si è presentata alcuna indicazione per la sospensione della terapia.
Conclusioni. Il presente studio ha dimostrato che i 2 regimi terapeutici (LAC e OAC) presentano una elevata efficacia nella guarigione delle ulcere duodenali e nell'eradicazione dell'Helicobacter pylori. Il lansoprazolo non sembra offrire un vantaggio significativo rispetto all'omeprazolo né nella guarigione dell'ulcera né nell'eradicazione dell'Helicobacter pylori. Sia il lansoprazolo che l'omeprazolo risultano essere ben tollerati, seppur con minimi effetti collaterali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail