Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 June;49(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 June;49(2):95-106

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 June;49(2):95-106

lingua: Inglese

Molecular mechanisms of alcohol-induced liver injury. An Update

Surrenti C., Galli M.


PDF  


L'epatopatia alcolica è un quadro anatomo-clinico a definita eziologia, ma a patogenesi complessa. Nell'ultimo decennio sono stati conseguiti molti avanzamenti nella comprensione dei meccanismi molecolari che condizionano i diversi aspetti del danno epatico da alcol, come nell'ambito della genesi della steatosi, dell'interazione tra metaboliti ossidativi ed endotossinemia e nella predisposizione genetica al danno. Recenti studi hanno dimostrato che in associazione all'alterazione dello stato redox, nell'epatocita coinvolto nell'ossidazione dell'etanolo, una alterazione dell'espressione e dell'attività trascrizionale di fattori nucleari coinvolti nel controllo dell'espressione di enzimi implicati nel metabolismo lipidico, come il recettore alfa per gli attivatori dei perossisomi (PPARa) e la proteina regolatoria SREBP-1, sono strettamente correlati alla genesi del fegato grasso. Le aldeidi tossiche che si generano durante il metabolismo dell'alcol sono responsabili dell'attivazione di segnali intracellulari attraverso la formazione di addotti proteici coinvolti nella sintesi di collagene e della risposta infiammatoria. Quest'ultimo effetto è coordinato dalle cellule di Kupffer che, attivate dall'aumento dell'endotossina intestinale circolante, producono citochine e chemochine coinvolte nel danno. Queste azioni appaiono almeno in parte dipendenti da fattori genetici correlati al polimorfismo di geni coinvolti nell'ossidazione dell'etanolo e nella risposta infiammatoria mediata a livello immunologico. Questo complesso network che conduce al danno d'organo offre molti target per un potenziale approccio terapeutico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail