Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Marzo;49(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Marzo;49(1):1

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2003 Marzo;49(1):1

lingua: Inglese

Treatment of Helicobacter pylori infection

Fallone C. A.


PDF  


Sono trascorsi 20 anni dalla riscoperta dell'Helicobacter pylori. In questo periodo di tempo si sono verificati notevoli progressi: è stato inequivocabilmente dimostrato che l'H. pylori determina l'insorgenza della malattia peptica ulcerosa e di neoplasie maligne dello stomaco, quali il linfoma originato dal tessuto linfoide associato alla mucosa (MALT), e rappresenta un fattore carcinogenetico per l'adenocarcinoma gastrico. Queste associazioni hanno condotto a ben definite indicazioni al trattamento dell'H. pylori in determinate circostanze. Viceversa, in altre affezioni in cui l'associazione non risulta altrettanto evidente, le indicazioni rimangono relativamente discusse. Indicazioni ben definite al trattamento dell'H. pylori sono rappresentate dall'ulcera gastrica e duodenale associate all'H. pylori e dal linfoma MALT. Anche in presenza di turbe dispeptiche non sottoposte a indagini specifiche si possono trarre evidenti benefici dal trattamento dell'H. pylori, mentre i benefici rimangono discutibili nella dispepsia non-ulcerosa. L'H. pylori rappresenta sicuramente un fattore di rischio per l'adenocarcinoma gastrico, ma non è ancora dimostrato che l'eradicazione dell'infezione possa ridurre o eliminare il rischio di insorgenza di questa lesione. L'effetto del trattamento dell'H. pylori rimane non ben definito anche nei pazienti affetti da reflusso gastro-esofageo. Vi sarebbe un beneficio potenziale ai fini della prevenzione della gastrite atrofica, controbilanciato, però, dal potenziale svantaggio di un peggioramento della malattia da reflusso, come alcune indagini sembrerebbero suggerire. Inoltre, l'interazione fra H. pylori e farmaci antinfiammatori non-steroidei appare piuttosto complessa. Sebbene siano stati compiuti numerosi progressi negli ultimi 20 anni a proposito del trattamento dell'H. pylori, rimangono tuttora aperte alcune controversie, che testimoniano la necessità di ulteriori indagini.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail