Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2002 September;48(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2002 September;48(3):233-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2002 September;48(3):233-6

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Endoscopic therapies for the management of gastroesophageal reflux disease

Dughera L.


PDF  


La malattia da reflusso gastroesofageo è un'affezione che mostra incidenza crescente e costi sociali assai elevati. La terapia medica - cioé modificazioni dello stile di vita e inibitori della pompa protonica - consente risultati eccellenti nella maggioranza dei casi, ma necessariamente deve essere continuata per tutta la vita; la vera cura della malattia è rappresentata dalla fundoplicatio per via laparoscopica, efficace e sicura in oltre il 95% dei pazienti selezionati. Una alternativa molto attraente a queste terapie è oggi rappresentata dal trattamento endoscopico del reflusso gastroesofageo, che si avvale di diversi accorgimenti tecnologici: la confezione di plicature cardiali per mezzo di suturatrici endoluminali, la fibrosi cardiale ottenuta mediante lesioni termiche indotte con radiofrequenze e l'iniezione locale di sostanze inerti e sclerosanti sono state sperimentate e validate in diversi centri endoscopici di provata esperienza. Sebbene la terapia endoscopica del reflusso gastroesofageo risulti sicura e applicabile, un giudizio definitivo su di essa deve attendere i risultati di ampi studi controllati multicentrici e di periodi più lunghi di follow-up; al momento queste tecniche devono essere riservati ad endoscopisti esperti che partecipino alla realizzazione di trial controllati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail