Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2002 Giugno;48(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2002 Giugno;48(2):165-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  FIRST WORKSHOP ON HELICOBACTER PYLORI


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2002 Giugno;48(2):165-8

lingua: Inglese

Does Helicobacter pylori eradication modify intestinal metaplasia evolution in the stomach?

Ravizza M.


PDF  


Obiettivo. Abbiamo cercato di valutare l'efficacia della eradicazione dell'Helicobacter pylori sulla cascata carcinogenetica gastrica seguendo nel tempo l'evoluzione della metaplasia intestinale nello stomaco dopo l'eradicazione del batterio.
Metodi. Abbiamo studiato annualmente per 5 anni dopo l'eradicazione dell'Helicobacter pylori 69 pazienti inizialmente affetti da ulcera gastrica o duodenale che presentavano metaplasia intestinale all'esame istologico al tempo 0. Tutti i pazienti, eradicati con terapia OAC a breve termine e valutati sia mediante UBT 1 mese dopo l'eradicazione che mediante colorazione Giemsa, hanno continuato a permanere HP negativi durante l'intero follow-up. Ogni anno veniva ripetuta una gastroscopia con almeno 6 biopsie in antro gastrico, almeno 2 cm dal piloro, al fine di valutare sia l'evoluzione della metaplasia intestinale sia lo stato di infezione da HP. Durante l'intero follow-up i campioni istologici sono stati valutati dallo stesso anatomo-patologo e la metaplasia intestinale è stata differenziata come tipo I (completa), tipo II (incompleta) o tipo III (incompleta solfomucino positiva). L'analisi statistica tra i differenti gruppi dopo ogni anno è stata eseguita con il metodo del c2.
Risultati. Al tempo 0 48 dei 69 casi (69,7%) sono risultati di tipo I, 14 casi (20,2%) di tipo II e solo 7 casi (10%) di tipo III. È così stata valutata la presenza di metaplasia intestinale sui prelievi istologici e l'analisi statistica tra i 3 gruppi ha manifestato una significativa regressione della metaplasia di tipo I rispetto la metaplasia di tipo III (p<0,001), soprattutto 2 o 3 anni dopo l'eradicazione, ma nessuna significatività nella regressione della metaplasia di tipo I rispetto alla metaplasia di tipo II (p=0.284) e neppure nella metaplasia di tipo II rispetto tipo III (p=0,981) anche dopo 5 anni di follow-up.
Conclusioni. L'eradicazione dell'HP favorisce la regressione della metaplasia intestinale completa nell'antro gastrico 2 o 3 anni dopo il trattamento antibiotico. Invece la metaplasia intestinale incompleta nell'antro gastrico sia solfomucino positiva che negativa non è risultata modificata in modo significativo dalla eradicazione batterica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail