Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2001 June;47(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2001 June;47(2):67-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2001 June;47(2):67-74

lingua: Italiano

Valutazione dello stato di nutrizione e degli intake alimentari in un gruppo di anziani autosufficienti residenti in una residenza sanitaria assistenziale

Rondanelli M., Trotti R., Magnani B., Di Paolo E., Antoniello N., Ferrari E.


PDF  


Obiettivo. L'approccio di tipo nutrizionale rappresenta il fondamento della medicina preventiva volta a garantire «successfull longevity», sostenendo lo stato di benessere sia fisico che psicologico del soggetto anziano. La valutazione degli intake dei macro e micronutrienti deve essere quindi parte integrante dell'assessment geriatrico multidimensionale del soggetto anziano. Lo scopo del presente studio è stato di valutare lo stato di nutrizione (mediante antropometria) e di effettuare il calcolo degli intake dei macro e dei micronutrienti (mediante recall delle 24 ore).
Metodi. È stato valutato un gruppo di anziani sani residenti presso una Residenza Sanitaria Assistenziale (21 soggetti, di cui 31 donne e 20 uomini, di età compresa fra i 70 ed i 92 anni). Per il calcolo dei macro e micronutrienti si è fatto riferimento ai LARN.
Risultati. Nello studio condotto è risultato che il soggetto istituzionalizzato segue una dieta sostanzialmente bilanciata nei macronutrienti e da un punto di vista calorico adeguata; è rilevabile esclusivamente un eccesso di consumo di zuccheri semplici (il 71,4% dei soggetti assume un intake eccessivo) probabilmente correlato alla frequente assunzione durante l'arco della giornata di bevande zuccherine. Per quanto riguarda i lipidi è importante sottolineare che la ripartizione fra saturi/monoinsaturi/polinsaturi è buona e che l'intake di colesterolo è controllato. L'apporto di vitamine e minerali è adeguato, ad eccezione del calcio, il cui intake risulta inadeguato nel 90,4% dei soggetti, e del selenio, il cui intake è insufficiente per il 66,7% dei soggetti. Questo scarso intake di calcio è probabilmente da correlarsi allo scarso consumo di latte durante la prima colazione secondario alla presenza di presunte intolleranze a questo alimento. Un altro dato importante da sottolineare è lo scarso consumo di fibra: solo il 23,8% dei soggetti assume un intake sufficiente; questo dato suggerisce la necessità di introdurre nei menù alimenti integrali (pane, pasta, ... ecc.) e di consigliare agli ospiti di assumere la frutta possibilmente con la buccia dopo averla accuratamente lavata.
Conclusioni. L'importanza di un'efficace informazione nutrizionale e l'impatto negativo della disinformazione del consumatore diventano evidenti quando si prende atto che lo stato nutrizionale influenza il tasso di declino fisiologico e funzionale nell'anziano.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail