Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2000 Marzo;46(1) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2000 Marzo;46(1):7-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2000 Marzo;46(1):7-14

lingua: Inglese, Italiano

L'eradicazione dell'Helicobacter pylori nell'anziano

Terranova R., Luca S.


PDF  


Obiettivo. Nei paesi industrializzati si è rilevato un costante aumento del numero di anziani. Secondo dati ISTAT tra 15 anni in Italia gli ultraottantenni saranno oltre 2.600.000. Negli anziani l'incidenza di ulcera peptica tende ad aumentare con l'età. Nella malattia peptica un ruolo etiologico importante ha assunto negli ultimi anni l'infezione da Helicobacter pylori (HP), il quale è stato identificato quale fattore di rischio per la neoplasia gastrica, nelle diverse varietà.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 57 pazienti (45 con ulcera duodenale HP+ e 12 con ulcera gastrica HP+). La diagnosi era stata posta in base all'esame endoscopico, all'esame istologico ed al test rapido dell'ureasi. I pazienti sono stati sottoposti a terapia orale con claritromicina (500 mg b.i.d. ¥14 giorni), amossicillina (1 g b.i.d. per 14 giorni) ed omeprazolo (20 mg die in unica somministrazione) per 30 giorni.
Risultati. I risultati hanno evidenziato eradicazione dell'HP nell'89% dei pazienti con ulcera duodenale e nell'83,3% dei pazienti con ulcera gastrica.
Conclusioni. Il regime terapeutico adottato nello studio ha permesso di ottenere percentuali di eradicazione in accordo a quanto riscontrato con protocolli diversi da altri Autori e comunque in percentuale ritenuta necessaria per potere definire efficace uno schema terapeutico, ed è risultato, ben tollerato dai pazienti. Questo dato risulta particolarmente interessante in quanto, pur trattandosi di pazienti anziani e quindi di pazienti più facilmente esposti agli effetti collaterali, si è riscontrata una scarsa incidenza di effetti indesiderati ed una ottima compliance.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail