Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 1999 Dicembre;45(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 1999 Dicembre;45(4):261-70

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 1999 Dicembre;45(4):261-70

 REVIEW

La malnutrizione nei tumori dell'apparato digerente:aspetti etiologici e clinici

Scarfone A., Capristo E., Valentini G., Addolorato G., Ghittoni G., Giancaterini A., Mingrone G., Greco A. V., Gasbarrini G.

Uno dei problemi principalmente riscontrabile nei pazienti affetti da neoplasia maligna dell'apparato digerente è una alterazione dello stato nutrizionale, fino alla cachessia. I fattori responsabili del grave deficit nutrizionale sono: le alterazioni metaboliche, caratterizzate da anomalie riguardanti il metabolismo dei carboidrati, dei lipidi e delle proteine; la ridotta disponibilità di principi nutritivi, a causa della crescita neoplastica che per espansione locale o distruzione dell'organo colpito, provoca alterazioni della deglutizione, della digestione e dell'assorbimento degli alimenti; gli effetti della terapia chirurgica, della radioterapia e della chemioterapia che possono provocare problemi nutrizionali temporanei o permanenti; gli effetti dei prodotti immunologici, soprattutto del fattore di necrosi tumorale (TNF-a). Il TNF-a è considerato il principale mediatore della cachessia nel cancro, poiché è responsabile di diverse alterazioni metaboliche, sia per azione diretta, sia attivando ulteriori mediatori, quali il fattore mobilizzante i lipidi (LMF) ed il fattore mobilizzzante le proteine (PMF).
Inoltre, un bilancio energetico negativo si può verificare per un aumento delle richieste energetiche dell'organismo. A tal proposito, pazienti affetti da patologia neoplastica con diversa localizzazione presentano valori di spesa energetica elevata o nei limiti della norma. Tale dato indica che l'aumento del metabolismo energetico non sembra rappresentare il principale fattore determinante la cachessia neoplastica. In conclusione, poiché nel paziente affetto da neoplasia maligna dell'apparato digerente si nota una grave riduzione del peso, della massa magra e della massa grassa, è importante una accurata valutazione dello stato nutrizionale, utilizzando i metodi clinici e strumentali attualmente disponibili.

lingua: Inglese, Italiano


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  ESTRATTI

inizio pagina