Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 1999 September;45(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 1999 September;45(3):169-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

Rivista di Gastroenterologia, Nutrizione e Dietetica


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 1999 September;45(3):169-72

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Chronic hepatitis C. New therapeutic strategies

Picciotto A., Torre F., Brizzolara R., Campo N., Giusto R., Sinelli N., Lantieri B. P., Risso D., Celle G.


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


Scopo del presente lavoro è di valutare il precoce abbattimento virale indotto da una terapia giornaliera con interferon-alfa (IFN) e la presenza di effetti sinergici dell'amantidina e ribavirina.
Metodi. Venti pazienti affetti da epatite cronica C sono stati sottoposti con metodo randomizzato a trattamento con: IFN 3MU/die (6 pazienti), o IFN 3MU/die più amantidina 200 mg (7 pazienti), o IFN 3MU/die più ribavirina 1-1,2 g (7 pazienti) per 6 mesi. Campioni di sangue sono stati prelevati a tempo zero, a 6, 12, 24, 30 e 48 ore dopo la prima dose di IFN; a 3, 7, 15 giorni e mensilmente. Il siero è stato separato entro due ore dal prelievo e conservato a ­80°C fino all'utilizzo. La viremia è stata valutata qualitativamente con il Cobas Amplicor (soglia 1.00E+02 copie/ml) (Roche Diagnostic, Monza, Italy) e quantitativamente mediante il Cobas Amplicor Monitor (soglia 1.00E+3 copie/ml). Il genotipo HCV è stato determinato per ogni paziente con Inno-LiPA HCV II (Innogenetics, Ghent, Belgio). I test di funzionalità epatica sono stati valutati a tempo zero, a 7 e 15 giorni e mensilmente.
Risultati. L'analisi delle curve di abbattimento ha rilevato la presenza di un declino della viremia in tre fasi. Al termine della terapia, 7 dei 20 pazienti (35%) presentavano livelli normali di ALT e RNA-HCV non rilevabile (2 su 6 nel gruppo IFN: 33,3%; 3 su 7: 42,8%; 2 su 7: 28,6%, nei gruppi IFN più amantidina e più ribavirina, rispettivamente).
Conclusioni. L'interferone-alfa è il principale agente antivirale nella terapia precoce. Le curve cinetiche mostrano una tendenza per la ribavirina ad indurre una curva leggermente più discendente nelle prime 48 ore, mentre l'amantidina sembra indurre un abbattimento lievemente maggiore della curva della viremia dopo le 48 ore.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail