Ricerca avanzata

Home > Riviste > European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine > Fascicoli precedenti > Europa Medicophysica 2003 Dicembre;39(4) > Europa Medicophysica 2003 Dicembre;39(4):181-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOEUROPEAN JOURNAL OF PHYSICAL AND REHABILITATION MEDICINE

Rivista di Medicina Fisica e Riabilitativa dopo Eventi Patologici

Official Journal of the Italian Society of Physical and Rehabilitation Medicine (SIMFER), European Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ESPRM), European Union of Medical Specialists - Physical and Rehabilitation Medicine Section (UEMS-PRM), Mediterranean Forum of Physical and Rehabilitation Medicine (MFPRM), Hellenic Society of Physical and Rehabilitation Medicine (EEFIAP)
In association with International Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ISPRM)
Indexed/Abstracted in: CINAHL, Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,063

Periodicità: Bimestrale

ISSN 1973-9087

Online ISSN 1973-9095

 

Europa Medicophysica 2003 Dicembre;39(4):181-9

 ORIGINAL ARTICLES

Psychometric evaluation of the Italian version of the Berg Balance Scale in rehabilitation inpatients

Ottonello M. 1, Ferriero G. 2, Benevolo E. 1, Sessarego P. 1, Dughi D. 2

1 Unit of Occupational Rehabilitation and Ergonomics “Salvatore Maugeri” Foundation Clinica del Lavoro e della Riabilitazione, IRCCS Scientific Institute, Genoa-Nervi (Genoa), Italy
2 Unit of Occupational Rehabilitation and Ergonomics “Salvatore Maugeri” Foundation Clinica del Lavoro e della Riabilitazione, IRCCS Scientific Institute, Veruno (Novara), Italy

Obiettivo. L’instabilità posturale rappresenta un disturbo frequente in pazienti di interesse riabilitativo con patologie sia neurologiche sia ortopediche. Tra le varie tecniche di quantificazione dell’equilibrio, le scale di valutazione rappresentano ancora i mezzi più diffusi e utili in ambito clinico, grazie alla loro economicità e alla semplicità di esecuzione. La scala più frequentemente utilizzata nella letteratura internazionale per rilevare i disturbi dell’equilibrio è la Berg Balance Scale (BBS).
Obiettivi del nostro studio sono stati: a) produrre la versione italiana della BBS (BBS-it) utilizzando una procedura validata di traduzione trans-culturale; b) analizzare le principali caratteristiche psicometriche della BBS-it in pazienti ricoverati in ambito riabilitativo.
Metodi. Sono state confrontate le prestazioni di equilibrio all’inizio e al termine del trattamento riabilitativo per il recupero neurologico e ortopedico in una casistica di 85 pazienti degenti (gruppo A, 28 maschi e 57 femmine). La sensibilità della scala e le validità di costrutto e concorrente sono state analizzate negli ultimi 40 pazienti (sottogruppo A1). L’affidabilità test-retest e inter-rater è stata studiata in 13 pazienti, scelti casualmente dal gruppo A (sottogruppo A2). Gli strumenti di valutazione presi in considerazione sono: 1) la BBS; 2) la Tinetti Balance Subscale (TBS); 3) e la Functional Independence Measure (FIM). La BBS consiste di 14 voci che indagano le capacità di mantenere specifiche posture, eseguire movimenti standardizzati o effettuare passaggi posturali. La TBS misura 9 tra posture o cambi di posizione che valutano il mantenimento dell’equilibrio. La FIM è composta da 18 voci che valutano il grado di disabilità dei pazienti nella capacità di attendere all’attività della vita quotidiana.
La coerenza interna dei test è stata testata sia tramite la correlazione tra ciascuna voce e la somma delle altre voci della stessa scala (item-remainder correlation) sia tramite il calcolo del coefficiente α di Cronbach. L’Intraclass Correlation Coefficient (ICC 2,1) è stato calcolato per confrontare i punteggi totali della BBS-it ottenuti in 2 giorni consecutivi. La validità di costrutto e la dimensionalità della BBS-it sono state saggiate tramite analisi fattoriale. La validità concorrente nei confronti della TBS e della FIM è stata analizzata tramite il calcolo del coefficiente di correlazione di Pearson. Per rilevare la sensibilità al cambiamento della BBS-it e della TBS è stato calcolato l’effect size.
Risultati. I valori medi della BBS-it, rilevati al ricovero e alla dimissione, erano rispettivamente 26,02 (SD 13,9) e 38,67 (SD 11,4). L’α di Cronbach è stata 0,95 per la BBS-it, mentre le correlazioni tra ciascuna voce e la somma delle altre voci hanno fornito valori elevati di r (r=0,69-0,88, p≤0,0001), fatta eccezione per la voce 3 (stare seduti senza appoggio allo schienale ma con i piedi appoggiati). L’ANOVA non ha dimostrato differenze significative tra le valutazioni effettuate in giorni diversi o da diversi esaminatori. Relativamente all’affidabilità l’ICC tra osservatori è risultato di valore 0,99. L’analisi fattoriale della BBS-it ha evidenziato la presenza di 2 fattori (con autovalori rispettivamente 8,56 e 1,30), che spiegano insieme il 70% della varianza della matrice. Nel fattore 1 si segnalano saturazioni elevate (tra 0,70 e 0,89) di tutte le variabili, tranne per la voce 3. Solo le voci 3 (0,60), 12 (–0,39), 13 (–0,40), e 14 (–0,40) hanno saturazioni maggiori di 0,35 nel 2° fattore. La BBS-it presenta un’elevata correlazione (p<0,0001) con la TBS (r=0,96) e con i punteggi della FIM sia totale (r=0,64) sia dei sottogruppi mobilità (r=0,070) e locomozione (r=0,71). L’effect size è stato di 1,66 per la BBS-it e di 1,52 per la TBS.
Conclusioni. La BBS-it, ottenuta secondo una procedura validata di traduzione trans-culturale e applicata su pazienti italiani affetti da malattie neurologiche e ortopediche, ha mostrato di possedere buone caratteristiche psicometriche di affidabilità e validità. In particolar modo, le correlazioni maggiori si sono osservate con la TBS e quelle sezioni della FIM che valutano le abilità motorie del paziente. Tali risultati sono in linea con precedenti studi che hanno indagato le caratteristiche psicometriche della versione originale. Inoltre, per valutare i cambiamenti nel tempo, la BBS-it ha dimostrato di essere più efficace della TBS. In conclusione, anche la BBS-it si è dimostrata uno strumento appropriato per la valutazione dell’equilibrio dei pazienti affetti da patologie neurologiche e ortopediche, nella ricerca e nella pratica clinica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina