Home > Riviste > European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine > Fascicoli precedenti > Europa Medicophysica 2003 Marzo;39(1) > Europa Medicophysica 2003 Marzo;39(1):59-63

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

EUROPEAN JOURNAL OF PHYSICAL AND REHABILITATION MEDICINE

Rivista di Medicina Fisica e Riabilitativa dopo Eventi Patologici


Official Journal of the Italian Society of Physical and Rehabilitation Medicine (SIMFER), European Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ESPRM), European Union of Medical Specialists - Physical and Rehabilitation Medicine Section (UEMS-PRM), Mediterranean Forum of Physical and Rehabilitation Medicine (MFPRM), Hellenic Society of Physical and Rehabilitation Medicine (EEFIAP)
In association with International Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ISPRM)
Indexed/Abstracted in: CINAHL, Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,063


eTOC

 

SHORT ORIGINAL ARTICLES  


Europa Medicophysica 2003 Marzo;39(1):59-63

lingua: Inglese

Preliminary study on the efficacy of various rehabilitation therapies for shoulder pain

Polimeni V. 1, Panuccio A. 1, Furfari P. 1, Crupi D. 1, Barreca G. 2, Forgione G. 1, Serranò R. 1, Africa E. 3, Africa A. 1

1 Physiatrics Unit, “Bianchi-Melacrino-Morelli” Hospital Reggio Calabria, Italy
2 Radiology Unit, “Bianchi-Melacrino-Morelli” Hospital Reggio Calabria, Italy
3 Section of Radiology Università Cattolica, Rome, Italy


FULL TEXT  


Obiettivo. La spalla dolorosa è una patologia che, frequentemente, giunge all’osservazione del fisiatra; colpisce indifferentemente uomini e donne, giovani e adulti; ovviamente le cause che la possono determinare sono molteplici così come i trattamenti da adottare. Per questo la scelta terapeutica deve essere mirata e non causale. Risulta determinante, prima di iniziare qualsiasi trattamento fare una diagnosi precisa e questo è possibile grazie a un’attenta anamnesi e un minuzioso esame obiettivo. È importante quantificare la disabilità utilizzando scale di valutazione funzionale, individuare esattamente le lesioni anatomiche causa di spalla dolorosa utilizzando esami strumentali quali Rxgrafie, Ecografia della cuffia dei rotatori o RM. Lo scopo di questo studio è quello di individuare un percorso diagnostico e, soprattutto, terapeutico il più uniforme possibile vista la notevole quantità di prescrizioni di fisioterapia per il trattamento di spalla dolorosa, favorendo, inoltre, l’utilizzo di indagini strumentali semplici e poco costose.
Metodi. Abbiamo studiato 50 pazienti affetti da spalla dolorosa. Tutti sono stati sottoposti ad anamnesi, esame obiettivo comprendente l’esecuzione di 6 test (Yocum, Jobe, Impingement test, Yergason, Palm up, Apley). È stata effettuata una valutazione funzionale utilizzando la scala di Constant e Murley (1987) e sono state eseguite alcune indagini strumentali, cioè radiografia ed ecografia della cuffia dei rotatori. I pazienti sono stati divisi in 4 gruppi: il 1° è stato trattato con rieducazione funzionale, gli altri 3 sono stati trattati con rieducazione funzionale associata a una terapia fisica (Radar, C. Diadinamiche, Ultrasuoni). L’attribuzione ai gruppi è stata effettuata in modo randomizzato. Lo studio ha previsto valutazione longitudinale a un tempo T0 (pre-trattamento), T1 (5° giorno del trattamento), T2 (10° giorno o fine trattamento), T3 (30 giorni dalla fine del trattamento); a ogni tempo è stato effettuato esame obiettivo con i tests su indicati è stata somministrata la scala di valutazione di Constant e Murley.
Risultati. I risultati ci indicano l’importanza di un esame obiettivo che individui con precisione la sofferenza della struttura anatomica che porta alla diagnosi di spalla dolorosa. L’indagine radiografica ed ecografia ci ha offerto notevoli informazioni anche a conferma delle indicazioni ricavate dall’esame obiettivo.
Conclusioni. Tutti i pazienti, dopo il trattamento, sono migliorati, ma associare una terapia fisica alla rieducazione funzionale non sembra indurre un ulteriote beneficio al paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail