Home > Riviste > European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine > Fascicoli precedenti > Europa Medicophysica 2002 Giugno;38(2) > Europa Medicophysica 2002 Giugno;38(2):97-105

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

EUROPEAN JOURNAL OF PHYSICAL AND REHABILITATION MEDICINE

Rivista di Medicina Fisica e Riabilitativa dopo Eventi Patologici


Official Journal of the Italian Society of Physical and Rehabilitation Medicine (SIMFER), European Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ESPRM), European Union of Medical Specialists - Physical and Rehabilitation Medicine Section (UEMS-PRM), Mediterranean Forum of Physical and Rehabilitation Medicine (MFPRM), Hellenic Society of Physical and Rehabilitation Medicine (EEFIAP)
In association with International Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ISPRM)
Indexed/Abstracted in: CINAHL, Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,063


eTOC

 

CASE REPORTS  


Europa Medicophysica 2002 Giugno;38(2):97-105

lingua: Inglese

Semantic memory deficits following Herpes Simplex Encephalitis (HSE). A single-case study

Zanini S., Borgo F., Vorano L., De Luca G.

From the Department of Physiology and Pathology, University of Trieste, Italy *Faculty of Psychology, University of Trieste, Italy **Rehabilitation Medicine Department Physical Medicine and Rehabilitation Institute Udine, Italy


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


I deficit di memoria semantica conseguenti ad encefalite erpetica sono spesso caratterizzati dalla presenza di un deficit categoriale specifico per la classe degli oggetti viventi rispetto a quella degli oggetti inanimati. E’ ancora dibattuto in letteratura se tale fenomeno sia dovuto ad un’organizzazione della memoria semantica mediante categorie di oggetti separate le une dalle altre, oppure sia una conseguenza del deficit di elaborazione delle informazioni di base che sono necessarie alla corretta elaborazione degli oggetti. Nel presente studio abbiamo affrontato questo quesito.
Abbiamo eseguito uno studio di caso singolo di una paziente con encefalite erpetica che presentava la classica dissociazione di elaborazione semantica fra oggetti viventi ed inanimati. La paziente è stata studiata a 6 mesi dall’insorgenza durante la riabilitazione cognitiva presso l’Ambulatorio di Diagnosi e Riabilitazione dei Disturbi Corticali Superiori del nostro Ospedale Riabilitativo. La paziente è stata sottoposta a numerosi compiti che hanno valutato l’integrità delle rappresentazioni semantiche degli oggetti viventi, dei “mass” kinds, e degli oggetti inanimati.
Oltre alla classica dissociazione categoriale, la paziente ha presentato un importante deficit di elaborazione semantica degli oggetti quando tale elaborazione si doveva basare unicamente sugli attributi sensoriali degli stessi rispetto agli attributi funzionali, a prescindere dalla classe di appartenenza (oggetti viventi, “mass” kinds, ed oggetti inanimati).
Questi dati suggeriscono che il deficit categoriale specifico non sia determinato da una mera appartenenza del singolo oggetto ad una specifica categoria del sistema semantico ma dipenda principalmente da un deficit di elaborazione degli attributi sensoriali di base necessari per l’identificazione e l’elaborazione semantica degli oggetti stessi. Questa cornice teorica getta le basi per una riabilitazione cognitiva dei deficit di memoria semantica dopo encefalite erpetica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail