Home > Riviste > European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine > Fascicoli precedenti > Europa Medicophysica 2002 Marzo;38(1) > Europa Medicophysica 2002 Marzo;38(1):25-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

EUROPEAN JOURNAL OF PHYSICAL AND REHABILITATION MEDICINE

Rivista di Medicina Fisica e Riabilitativa dopo Eventi Patologici


Official Journal of the Italian Society of Physical and Rehabilitation Medicine (SIMFER), European Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ESPRM), European Union of Medical Specialists - Physical and Rehabilitation Medicine Section (UEMS-PRM), Mediterranean Forum of Physical and Rehabilitation Medicine (MFPRM), Hellenic Society of Physical and Rehabilitation Medicine (EEFIAP)
In association with International Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ISPRM)
Indexed/Abstracted in: CINAHL, Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,063


eTOC

 

  RETURN TO DRIVING AFTER TRAUMATIC BRAIN INJURY - Part II Guest Editors: Bruno Gradenigo, Anna Mazzucchi


Europa Medicophysica 2002 Marzo;38(1):25-8

lingua: Inglese

Driving after acquired brain injury from research to reality

Brooks N.

From the Rehab Without Walls Crownhill, Milton Keynes, (UK)


FULL TEXT  


Non è facile prevedere se un soggetto che ha subito una lesione cerebrale potrà o meno tornare alla guida di un automezzo. La Letteratura su questo tema fornisce molti interessanti punti di discussione, ma non fornisce alcun “gold standard” test. I professionisti coinvolti, incluso l’Autore e i suoi collaboratori, nella decisione se sia o no indicato consentire che un cerebroleso possa tornare a guidare, non sempre fanno la scelta corretta, anzi possono facilmente incappare in giudizi falsamente positivi o falsamente negativi sulla sua effettiva capacità di guida. Nella sua pratica, l’Autore si trova costantemente a dover prendere atto che ogni soggetto cerebroleso è diverso dagli altri, e che l’aver mantenuto capacità di autocritica e di giudizio gli può consentire di compensare una ridotta velocità di reazione, soprattutto se la capacità di autocritica si traduce in un adattamento dello stile di guida. Viene preso atto che i professionisti coinvolti nella decisione sulla opportunità o meno di consentire la ripresa della guida dopo trauma cranico si trovano di fronte a rilevanti dilemmi, sia legali che etici, e che esiste un elevato problema di rischio, per questo si ritiene che sia assai opportuno tener conto di tutte informazione cliniche basate sull’evidenza

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail