Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2015 September;17(3) > Esperienze Dermatologiche 2015 September;17(3):111-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Esperienze Dermatologiche 2015 September;17(3):111-3

lingua: Italiano

Pilomatricoma degli arti inferiori

Bertolini A. 1, Percudani C. 2, Ricci R. 3

1 Ambulatorio Dermatologico, Casa della Salute (CDS) di Colorno Torrile, Distretto di Parma, AUSL di Parma, Parma, Italia;
2 Ambulatorio Ulcere Trofiche, Casa della Salute (CDS) di Colorno Torrile, Distretto di Parma, AUSL di Parma, Parma, Italia;
3 Istituto di Anatomia Patologia, Università degli Studi di Parma, Parma, Italia


PDF  


Il pilomatricoma, anche noto come epitelioma calcifico di Malherbe, è una neoplasia cutanea che insorge dalla matrice del follicolo pilifero. Si presenta come un nodulo, sottocutaneo, duro, ma mobile, a superficie lobulata, a lenta crescita, col caratteristico “ segno della tenda” (conformazione angolata, quando viene compreso tra le dita), il “segno della piega” quando i margini della lesione sono lievemente compressi tra i pollici, perpendicolarmente alle linee di minor tensione. I picchi di maggiore insorgenza sono l’età infantile, a predominanza femminile, e la sesta-settima decade di vita. Insorge, in ordine di frequenza, a livello di: testa-collo, arti superiori e, molto raramente, arti inferiori. L’esame istologico mostra una lesione subepidermica, ben circoscritta, composta di cellule basaloidi e cellule “ombra”, con una componente mesenchimale periferica di fibroblasti e una variabilità di materiale calcifico, con talora ossificazione. Descriviamo un caso localizzato all’arto inferiore, in un paziente anziano giunto alla nostra osservazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail