Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2015 Giugno;17(2) > Esperienze Dermatologiche 2015 Giugno;17(2):71-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

NOTE DI TERAPIA  


Esperienze Dermatologiche 2015 Giugno;17(2):71-9

lingua: Inglese

Gestione post laser ablativo: mupirocina 2% vs. gentamicina 0,1% unguento

Cannarozzo G. 1, 2, Morini C. 1, 2, Sannino M. 2, 3, Campolmi P. 4, Nisticò S. P. 1, 5

1 Department of Dermatology, Tor Vergata University of Rome, Rome, Italy;
2 GILD-FTP (Gruppo Italiano Laser Dermatologia Formazione Teorico Pratica), Rome, Italy;
3 Unit of Dermatologic Surgery and Cutaneous Oncology, ASL Napoli 3 Sud, Italy;
4 Department of Dermatology, University of Florence, Florence, Italy;
5 Department of Health Sciences, University of Catanzaro, Catanzaro, Italy


PDF  


OBIETTIVO: La mupirocina 2% è un farmaco ampiamente studiato nel trattamento topico delle infezioni. La gentamicina 0,1% è un’alternativa interessante, con attività sia nei confronti dei germi gram-positivi che gram-negativi. L’oggetto del nostro studio è la comparazione dell’efficacia e della fruibilità della mupirocina 2% unguento (eccipienti macrogol 400 g/mol e 3350 g/mol – PEG unguento) nei confronti della gentamicina 0,1% unguento (eccipienti paraffina liquida, vaselina bianca) nella medicazione di ferite generate dall’utilizzo di laser chirurgici (vaporizzazione) o di laser selettivi (trattamento di lesioni vascolari e cicatriziali ipertrofiche, vascolarizzate e cheloidee o pigmentarie, endogene ed esogene).
METODI: Il nostro studio ha arruolato 40 soggetti, 20 maschi e 20 femmine di età compresa tra 26 e 72 anni, con varie lesioni cutanee e mucose benigne, localizzate in diverse sedi anatomiche, che sono state trattate mediante laser CO2 ablativo 10600 nm di lunghezza d’onda, laser CO2 microablativo con radiofrequenza (RF) bipolare, dye laser 595 nm, e laser Q-switched 532-1064 nm. I pazienti arruolati sono stati divisi in due gruppi per i quali sono state predisposte medicazioni con mupirocina 2% unguento nel primo e gentamicina 0,1% unguento nel secondo. Per lesioni cutanee bilaterali del volto o extravolto (es. sede inguinale o ascellare) si è proceduto con una medicazione comparata. Sono stati esclusi pazienti con infezione attiva. I pazienti sono stati istruiti sull’applicazione quotidiana dei farmaci e sulla gestione generale delle ferite.
RISULTATI: I pazienti sottoposti a rimozione delle lesioni cutanee mediante laser CO2 ablativo hanno mostrato risoluzione completa delle ferite, miglioramento globale della pigmentazione cutanea, assenza di esiti cicatriziali atrofici o ipertrofici permanenti, assenza di esiti discromici e assenza di complicanze infettive. Anche i pazienti sottoposti a trattamento con laser CO2 microablativo ed RF bipolare o con laser selettivi (dye laser 595 nm e laser Q-switched 532-1064 nm), hanno mostrato un andamento postoperatorio nella norma. Tutti i pazienti hanno tollerato bene entrambi i tipi di unguento antibiotico senza riferire alcun fenomeno irritativo. La nostra osservazione ha confermato un andamento post-trattamento privo di qualsiasi reazione avversa ai farmaci topici utilizzati.
CONCLUSIONI: Il nostro studio, basato su un numero relativamente piccolo di pazienti e di lesioni e su un controllo a distanza piuttosto breve, si è soffermato soprattutto sulla fruibilità, intesa come maneggevolezza, gradimento e facilità di rimozione di questi due unguenti antibiotici da parte dei pazienti. Il particolare veicolo PEG contenuto nella formulazione di mupirocina 2% assicura per questo unguento un profilo efficace, sicuro e confortevole nella gestione di ferite laser anche se l’attività antibatterica può essere paragonabile a quella della gentamicina 0,1%.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail