Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2014 Giugno;16(2) > Esperienze Dermatologiche 2014 Giugno;16(2):87-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Esperienze Dermatologiche 2014 Giugno;16(2):87-9

lingua: Italiano

Vitiligine indotta da IFN-α 2b in paziente affetta da sarcoma di Kaposi

Berruti V., Gimma A., Taviti F., Cardinali C.

Unità Operativa di Dermatologia, USL 4, Prato, Italia


PDF  


La vitiligine è un disturbo della pigmentazione caratterizzato clinicamente da chiazze acromiche. Diverse teorie patogenetiche sono state proposte nel corso degli anni e, tra queste, quella più accreditata è l’ipotesi autoimmune. In letteratura sono stati descritti diversi casi di vitiligine indotta da farmaci immunomodulanti usati per il trattamento di patologie infiammatorie croniche quali epatite C e tumorali, come ad esempio il melanoma. Presentiamo il caso di una paziente affetta da sarcoma di Kaposi in terapia da alcuni mesi con interferon-α 2b, che ha riportato la concomitante comparsa di vitiligine e positività per autoanticorpi ANA, ENA e PM-SCL, suggestivi di un quadro di sospetta scleromiosite. Il caso da noi descritto suggerisce l’importanza di valutazioni cliniche di natura immunologica nei pazienti sottoposti a terapie continuative con tali classi di farmaci.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail