Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2014 Marzo;16(1) > Esperienze Dermatologiche 2014 Marzo;16(1):3-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Esperienze Dermatologiche 2014 Marzo;16(1):3-8

lingua: Italiano, Inglese

Un caso di cheyletiellosi. Quando il confronto tra dermatologi e veterinari è indispensabile

Calista D. 1, Giangaspero A. 2, Bulgarelli A. 3, Venturelli C. 4

1 Unità Operativa di Dermatologia, Ospedale “M. Bufalini”, Ausl Cesena;
2 Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente, Università di Foggia;
3 Veterinario, libero professionista, Cesena;
4 Dipartimento Sanità Pubblica, Ospedale “M. Bufalini”, Ausl Cesena


PDF  


Presentiamo il caso di una signora di 45 anni affetta da una eruzione di elementi eritemato-papulo-vescicolosi intensamente pruriginosi diffusi agli arti e all’addome. Venne posta diagnosi di entomodermatosi. La paziente riferiva che il suo cane era stato recentemente curato per una infestazione da Cheyletiella. La applicazione di una crema steroidea e l’assunzione di antistaminici ha consentito il sollievo dai sintomi che sono regrediti completamente nel volgere di 2 settimane. La diagnosi di cheyletiellosi è di regola semplice per un veterinario quando l’animale domestico presenta i classici sintomi; più difficile l’interpretazione delle manifestazioni cutanee umane che sono del tutto aspecifiche. In questi casi la diagnosi etiologica può essere possibile solo con una accurata anamnesi e l’aiuto di un medico veterinario. Il caso sottolinea la importanza della collaborazione fra dermatologi e veterinari i quali, sempre di più e con maggiore consapevolezza, sono chiamati ad operare nella prospettiva della “One Health”. Gli entomologi auspicano che i dermatologi considerino l’importanza della corretta individuazione delle varie specie di artropodi come parte integrante del processo diagnostico e terapeutico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail