Ricerca avanzata

Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2013 Giugno;15(2) > Esperienze Dermatologiche 2013 Giugno;15(2):79-82

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Esperienze Dermatologiche 2013 Giugno;15(2):79-82

 CASI CLINICI

Un caso di angiosarcoma della faccia

De Giacomo P. 1, Ferri R. 1, D’amico D. 1, Filardo A. 2, Tucci L. 2, Valenti G. 1

1 S.O.C Dermatologia e Venereologia, Azienda Ospedaliera “Pugliese Ciaccio”, Catanzaro;
2 S.O.C. Anatomia Patologica, Azienda Ospedaliera “Pugliese Ciaccio”, Catanzaro

L’angiosarcoma cutaneo (AS) è un rara neoplasia maligna dei tessuti molli che origina dalle cellule endoteliali e può localizzarsi in qualunque distretto corporeo, sebbene la cute sia la sede più comune. Più frequentemente si localizza alla testa, al collo e al cuoio capelluto e colpisce anziani di razza bianca. La sua variabile presentazione clinica, la sua frequente benigna apparenza e le sue caratteristiche istopatologiche rendono l’AS difficile da diagnosticare. A causa di ciò, ma anche della sua elevata aggressività biologica, del suo alto tasso di recidiva locale o di metastatizzazione, ha una cattiva prognosi e, pertanto, solo una diagnosi precoce può consentire una terapia precoce e quindi un miglioramento della prognosi. Gli autori presentano il caso di un uomo di 78 anni giunto alla loro osservazione e discutono i vari aspetti clinici, eziopatogenetici e terapeutici.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina